giovedì 16 febbraio 2012

Le trame del 1979: Anche i ricchi piangono (Messico)



(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)
Mariana Villareal (Veronica Castro) è una giovane orfana di madre e priva di istruzione, che vive in un ranch messicano dello stato del Guanajauto insieme a suo padre, Leonardo (Fernando Mendoza) e alla matrigna Irma (Flor Procuña).
Dopo la morte della madre di Mariana, Leonardo si è rifugiato nell'alcol ed è costretto su una sedia a rotelle in seguito ad un incidente che lo ha reso paralitico.
Per questo la povera Mariana è cresciuta senza che nessuno le insegnasse le buone maniere e si occupasse della sua istruzione, facendola comportare come una ragazza selvaggia, che non ha paura di dire ciò che pensa, ma allo stesso tempo una ragazza felice e ingenua.
Irma non ama Leonardo e si è sposata con lui solo per interesse, fomenta il suo vizio per l'alcol per poter avere nelle sue mani le proprietà del marito, facendogli credere di essere vicini alla bancarotta. La donna, inoltre, ha una relazione con Diego Avila (Miguel Palmer).
Leonardo si rende conto che gli resta poco da vivere e così decide di redigere un testamento nel quale lascia tutti i suoi beni a Mariana, e lo consegna nelle mani dell'amico Luis de la Parra (Antonio Bravo).
Alla morte di Leonardo, però, Irma recupera la prima copia del testamento del defunto marito, in cui risulta lei l'unica erede, e caccia di casa Mariana.
Poi, insieme al suo amante, decide di partire per la capitale e di godere delle ricchezze del povero Leonardo.
Intanto Mariana vaga per Città del Messico in cerca dell'amico di suo padre, Luis de la Parra, che a suo tempo le disse che avrebbe dovuto cercarlo qualora si fosse trovata in difficoltà.
Trovatane la casa, è però respinta dalla cameriera, che la crede una mendicante.
Mariana è disperata e spaventata ma fortunatamente incontra un giovane, Pato, che le offre ospitalità per qualche tempo.
Ma il ragazzo si rende conto di non poterla aiutare come vorrebbe e decide così di rivolgersi a padre Adrian.
Così i due ragazzi si recano in chiesa per conoscere il sacerdote e in sagrestia Mariana conosce un certo Don Alberto Salvatierra (Augusto Benedico), un uomo appartenente ad una ricca famiglia della capitale, il quale decide di portarla in casa sua e darle lavoro come cameriera.
E così Mariana inizia una nuova vita a casa di Don Alberto, il quale vive insieme a sua moglie Elena (Alicia Rodriguez), che non condivide affatto la decisione del marito di portare un'estranea in casa.
I due hanno un figlio, Luis Antonio (Rogelio Guerra), ragazzo superficiale, cinico e viziato che sta per rientrare a casa dopo un viaggio all'estero e che non ha un buon rapporto con il padre, il quale non accetta la condotta di vita del figlio, al contrario della madre, che è sempre pronta a difenderlo e a giustificarlo.
In casa Salvatierra vive anche Maria (Columba Domìnguez), la domestica che verrà incaricata di occuparsi di Mariana.
Luis Antonio conosce Mariana e in un primo momento il giovane mostra una certa ostilità nei confronti della ragazza e crede che suo padre l'abbia ospitata e la tratti come una di famiglia solo per indispettirlo.
E così decide di conquistare la povera ragazza per puro divertimento, e per infastidire suo padre, arrivando a trascurare Esther (Rocìo Banquells), sua cugina e fidanzata, interessata a migliorare la propria condizione economica.
Luis Antonio poco a poco si innamora veramente di Mariana grazie alla sua dolcezza e semplicità ed è disposto a sposarla.
La ragazza, grazie all'interessamento di don Alberto, ha intrapreso gli studi e si è trasformata in una ragazza educata e raffinata.
Intanto Irma e Diego riescono a rintracciare Mariana e si stupiscono per il cambiamento della giovane che stentano a riconoscere.
Irma vuole eliminare la ragazza e decide di introdurre Diego in casa Salvatierra, decisione che susciterà la gelosia di Luis Antonio.
Diego però si affeziona a Mariana e non riesce a portare avanti il piano di Irma, la quale è ora diventata l'amante di Fernando (Carlos Càmara), proprietario di un night club che nasconde traffici illeciti.
La donna allora decide di continuare il suo piano senza Diego, facendosi aiutare da Fernando.
Intanto Luis de la Parra viene a sapere della morte del suo amico Leonardo e parte alla ricerca di Mariana. Dopo essersi accertato che la ragazza vive presso la famiglia Salvatierra, invia il testamento a don Alberto, ma muore poco dopo a causa di un infarto.
La situazione si complica ulteriormente quando Esther, incinta di Diego che nel frattempo è diventato suo amante e trasferitasi in casa Salvatierra, ordisce un piano per separare i due innamorati e una sera, approfittando dello stato di ubriachezza di Luis Antonio, riesce a portarselo a letto e poi si finge incinta di lui.
I genitori del giovane obbligano, così, il figlio a sposarsi con Esther, che in questo modo riesce a realizzare il sogno di diventare la signora Salvatierra.
Mariana, delusa dal comportamento dell'uomo che ama, decide di abbandonare la casa e riesce a trovare lavoro come segretaria presso l'impresa edile di don Alberto, il quale nel frattempo aveva provveduto ai suoi studi, rendendola una ragazza educata e raffinata. Qui conosce Patrizia, ragazza allegra e solare che diventerà la sua migliore amica, e Leonardo, un giovane architetto che le farà la corte. Per dimenticare l'amore che prova per Luis Antonio, Mariana decide di fidanzarsi con lui.
Irma e Fernando riescono a rintracciare Mariana e decidono di eliminare sia lei che Diego, il quale non è più loro complice e potrebbe metterli in pericolo.
I sicari irrompono nell'appartamento di Mariana e uccidono Patrizia, scambiandola per Mariana.
Diego riesce a fuggire e capisce chi sono i responsabili di tale attentato e, così,  si reca da Fernando e lo uccide.
La polizia però lo raggiunge e, dopo aver confessato i suoi crimini e quelli della sua ex complice, viene arrestato insieme ad Irma.
Mariana è sconvolta dalla morte della sua amica e decide di ritornare a casa Salvatierra.
Luis Antonio continua a dichiararle il proprio amore, ma Mariana sente di non poterlo ricambiare, vista la compromissione di Esther.
Quest'ultima continua a tramare contro Mariana, aiutata dalla madre Ramona, ma la sorte sarà nefasta per lei, poiché, dopo essersi ammalata gravemente, morirà poco dopo aver partorito.
Esther fa in tempo a chiedere perdono a Mariana, affidandole la figlia neonata, che però non sopravvivrà. E Ramona, sinceramente pentita, rimarrà accanto a Mariana sino alla fine della vicenda, diventando la sua confidente.
Intanto don Alberto apre una cartella con dei documenti che gli era stata inviata tempo prima da Luis de la Parra, e così viene a conoscenza del testamento di Leonardo in cui Mariana risulta l'unica sua erede.
Passa qualche tempo e Mariana, ormai libera di vivere la sua relazione con Luis Antonio, si sposa con lui.
La felicità dei due innamorati, però, dura poco: a causa di un equivoco, Luis Antonio crede che Mariana l'abbia tradito e decide di partire, senza voler sentire spiegazioni. In realtà la giovane era solo svenuta ed era stata soccorsa da Leonardo, il quale stava tentando di rianimarlo.
Mariana non riesce ad arrendersi, e dopo aver scoperto di aspettare un figlio da lui, lo raggiunge per dargli la bella notizia. Luis Antonio, però, la caccia via credendo che il bambino sia di Leonardo.
Mariana torna a casa e, pochi giorni prima del parto, riceve una lettera del marito in cui le chiede il divorzio.
Sconvolta, Mariana, dopo aver partorito, rifiuta il bambino e, in preda alla follia, esce dall'ospedale e abbandona la creatura ad una venditrice di biglietti, Rosa.
Uscita dallo stato confusionale, Mariana si rende conto del suo gesto e ne impazzisce. Per questo si ritroverà in una clinica psichiatrica.
Intanto Luis Antonio fa ritorno in Messico e padre Adrian gli chiarirà ogni dubbio circa la faccenda del bambino.
L'uomo, profondamente pentito, comincia a cercare Mariana e la trova nella clinica psichiatrica. La donna gli confessa di aver abbandonato suo figlio, lasciandolo senza parole.
I due si riconciliano e si mettono alla ricerca della donna alla quale Mariana aveva lasciato suo figlio, senza risultati.
Per colmare il vuoto lasciato nella vita di Mariana, Luis Antonio decide di adottare una bambina, la piccola Maria Isabel (Edith Gonzàlez), che verrà affidata alle cure della tata, Sara Gonzàlez (Maria Dorell).
La donna è interessata a Luis Antonio, il quale, sentendosi trascurato dalla moglie, ancora traumatizzata per la perdita del bambino, cede alle sue avances e finirà per comprarle un appartamento dove potersi incontrare con lei di nascosto dalla moglie.
Passano alcuni anni e mentre Maria Isabel vive nel lusso, Alberto (Guillermo Capetillo), vive in un quartiere povero insieme alla sua madre adottiva, Rosa.
Intanto Maria Isabel sorprende suo padre mentre bacia Sara e lo riferisce a Mariana, la quale riesce a cogliere sul fatto i due amanti e caccia di casa la tata della figlia. Sara finirà per ricattare Luis Antonio richiedendo una cospicua somma mensile per tenere nascosto il segreto circa l'adozione di Maria Isabel.
Un giorno Rosa ha un incidente e le cure per l'operazione sono molto costose e la donna non può permettersele.
Alberto, ormai diventato un adolescente, preoccupato per la salute della madre, decide di introdursi in casa Salvatierra per rubare dei soldi.
Il ragazzo viene colto in flagrante da Luis Antonio, il quale lo fa arrestare.
Mariana, che fin da subito prova una grande simpatia nei confronti di Alberto, convince il marito a non sporgere denuncia e comincia ad aiutare il giovane, evitandogli il carcere.

giovedì 9 febbraio 2012

Le trame del 2008: Vidas robadas (Argentina)

Ecco la trama completa della telenovela argentina "Vidas robadas", con Facundo Arana e Monica Antonopulos, solo su www. telenovelasmania.it





TRAMA COMPLETA
 Bautista Amaya (Facundo Arana) è un antropologo forense che dedica la sua vita al lavoro e alla sua compagna Carla.

La sua esistenza viene sconvolta da Nicolas (Juan Gil Navarro) che, mentre sta per raggiungere sua moglie Ana (Monica Antonopulos), che si è persa in montagna mentre faceva alcune fotografie, si scontra contro l'auto di Carla e fugge senza prestarle soccorso, lasciandola morire.
Bautista riesce a salvare Ana e a riportarla sana e salva dal marito, inconsapevole di trovarsi di fronte all'assassino di sua moglie.
Dal momento in cui resta vedovo, Bautista si sente come morto, si isola da tutti dedicandosi esclusivamente al lavoro e alla sua passione per l'alpinismo, senza un domicilio fisso, poiché la sua casa è piena di ricordi.
Passa un anno e, per volere del destino, Bautista e Ana si incontrano nuovamente, e trascorrono una giornata insieme.
Ana deve la vita a Bautista e lo ringrazia per tutto, non avendo avuto occasione di farlo prima.
Bautista si apre con lei e le parla della morte di sua moglie e dell'uomo che l'ha lasciata morire di cui non è mai riuscito a scoprirne l'identità.
Nel frattempo, a Rio Manso, vive un'altra famiglia, quella di Juliana Miguez (Sofia Elliot), una ragazza di 21 anni, dolce, intelligente e studentessa universitaria.
Sua madre, Rosario (Soledad Silveyra), lavora come infermiera e suo padre, Juan (Patricio Contreras) è meccanico. I due, nonostante le difficoltà economiche, non hanno mai fatto mancare nulla alla loro figlia, che adorano.
Un giorno Juliana scompare e i genitori la cercano ovunque, senza riuscire a trovarla.
La ragazza stava mettendo da parte i soldi per sistemare una casa dove sarebbe andata a vivere con il suo fidanzato, Rodrigo (Lucas Escariz).
La sorella di Rosario, Blanca, inizia a sospettare che ci sia lui dietro la scomparsa di Juliana, ma ben presto si scoprirà che si tratta di qualcosa di molto più grave... 


CONTINUA SU:
http://www.telenovelasmania.it/telenovelas_vidasrobadas_tramacompleta.html

venerdì 3 febbraio 2012

Benvenuti!


Ciao a tutti, oggi nasce il blog legato al sito www.telenovelasmania.it :)

Se avete idee e suggerimenti per rubriche che vorreste leggere all'interno del blog, scrivetemi qui o anche sulla pagina facebook  Telenovelas Mania Page


GRAZIE A TUTTI DEL SOSTEGNO  E DELL'AFFETTO CHE DA TANTI ANNI MI AVETE DIMOSTRATO.