sabato 28 settembre 2013

Maite o Ximena?

Ed ecco che ancora una volta le due attrici Maite Perroni e Ximena Navarrete si contendono un ruolo da protagonista sugli schermi di Televisa.
I fan di Maite volevano che la loro beniamina fosse la protagonista de "La Tempestad", ma il ruolo è stato affidato poi all'ex Miss Universo Ximena Navarrete, suscitando non poche polemiche.
I fan della bella e brava attrice e cantante messicana, si ritrovano ancora una volta col fiato sospeso nell'attesa che vengano ufficializzati i nomi dei protagonisti del nuovo remake de "Maria la del Barrio", storia interpretata in orgine da Thalia.
La gara è aperta: chi vincerà stavolta?



venerdì 27 settembre 2013

Piel de otoño - Foto del cast

Laura Flores (Lucìa)

 Sergio Goyri  (Ramòn)

René Strickler (Santiago)

Franco Gala (Miguel Ángel)

Florencia de Saracho (Liliana) 


 Raquel Olmedo (Triana)

 Sabine Moussier (Rebeca)

 María Marcela (Rosario)

 Andrea Torre (Gaby)

 Agustín Arana (Pablo)

 Mónica Garza (Carmina)

 Gerardo Murguía (Gustavo)

 Jorge de Silva (Eduardo)
Manuel Landeta (Víctor)

Sergio Jurado (Padre René Ruíz)

Susy Lu (Alexa)

Ecco le nuove produzioni del mondo delle telenovelas!

POR SIEMPRE MI AMOR - Televisa
La nuova telenovela targata Televisa prodotta da Ignacio Sada e interpretata da Guy Ecker e Susana Gonzàlez.
Si tratta del remake de "La mia seconda madre", storia molto amata dal pubblico, interpretata da Enrique Novi e Maria Sortè nel 1989.


E' la storia di Arturo de la Riva (Guy Ecker), architetto proprietario di un'impresa di costruzioni insieme al suo migliore amico, Bruno.
Arturo è sposato da 10 anni con Eugenia e vive insieme a lei e a sua figlia, Aranza, e alla cugina di Eugenia, Sonia, innamorata dell'uomo.
Isabel Lòpez Cerdàn (Susana Gonzàlez), è una disegnatrice d'interni e proprietaria di una scuola d'arte, insieme a Gabriel, sua migliore amica.
Anche Isabel è sposata con Fernando Còrdova, verso il quale prova un sentimento profondo e del quale si fida ciecamente.
Eugenia muore improvvisamente per colpa di Sonia, che scambia i medicinali della donna di nascosto per poter eliminare la sua rivale e conquistare Arturo.
Isabel, intanto, scopre che Fernando è un evasore e che ha rubato dei soldi all'impresa, e che inoltre è sposato già con Andrea, con la quale ha due figli, Esteban e Angel.
Il matrimonio di Isabel e Fernando non è valido e la donna si troverà nella più totale disperazione, non riuscendo più trovare le forze per resistere a tale dolore.
Isabel e Arturo si incontrano su un'isola paradisiaca del pacifico e si innamorano a prima vista.
La loro unione verrà ostacolata da Sonia che farà di tutto per mettere Aranza contro Isabel, e da Fernando che dal carcere sta pianificando la vendetta contro la moglie che lo ha denunciato per bigamia.
Passano dieci anni e la storia è ambientata ai giorni nostri e ci racconterà questa bellissima storia d'amore e l'intento di Isabel di conquistare l'affetto di Aranza e diventare così la sua seconda madre....



LO QUE LA VIDA ME ROBO' - Televisa
Remake de "Bodas de odio" (Nozze d'odio-Matrimonio proibito), con Angelique Boyer e Sebastian Rulli, coppia molto amata dal pubblico messicano e non solo, in "Teresa".
Il remake sarà ambientato ai giorni nostri e subirà quindi alcuni cambiamenti rispetto alla storia originale.
Lo scenario è quello di Campeche e Rulli interpreterà il ruolo di Alejandro Almonte che sposerà la bella Monserrat Mendoza (Boyer), strappandola così all'uomo che lei ama, José Luis Alvares (Guzman).



QUIERO AMARTE - Televisa

"Quiero amarte" è la nuova telenovela di Televisa i cui protagonisti sono Karyme Lozano e Cristiàn de la Fuente.
La nuova produzione di Carlos Moreno è stata adattata da Cristina Garcia e Martha Carrilo, che hanno riscosso successo con Amor Bravìo e Cuando me enamoro.
La telenovela è il remake di "Imperio di Cristal", storia del 1994 targata sempre Televisa con Rebecca Jones e Ari Telch e tanti altri attori di talento come Kate del Castillo, Alejandro Camacho e Maria Rubio.
I due attori principali hanno già lavorato insieme nella telenovela  Soñar No Cuesta Nada per Venevision a Miami nel 2005 insieme a Laura Zapata. 
Al termine di "Mentir para vivir" vedremo sullo schermo questo nuovo prodotto!










TU, MI RIQUEZA - Televisa
Produzione firmata Rosy Ocampo che sarà interpretata da Jaime Camil e Zuria Vega al termine di "Libre para amarte". Nel cast troveremo anche Valeria Dominguez e Mark Tacher, nel ruolo di antagonista

PROHIBIDO AMAR - Azteca 13.
Melodramma che vede come protagonisti Rossana Nàjera e Marco de Paula, inizierà il 7 ottobre alle 20.30 al termine di "Secretos de familia". Nel cast troviamo anche Iliana Fox, Fernando Ciangherotti ed Eduardo Arroyuelo.

LA IMPOSTORA - Telemundo
Telenovela prodotta dagli Stati Uniti per Telemundo con Lisette Morelos, Sebastiàn Zurita e Chrisitan Bach (sua madre). 




venerdì 20 settembre 2013

Il diario di Betty (parte 1)




Le prime pagine del diario di Betty che possiamo leggere con lei, appaiono nel capitolo 5°:

1) ROMANO E I SUOI AMICI LASCIANO DI SANA PIANTA BETTY : In questo episodio conosciamo la “banda di Romano” nell'intento di fare un scherzo, di pessimo gusto, a Beatrice. Con la scusa di un presunto spasimante e di una uscita tutti insieme, la nostra eroina si troverà ad aspettare per ore, finché Don Hermes, infuriato, le ordinerà di tornare in camera sua…. Nella sua stanza Betty scoppia in lacrime...
“… Almeno qualcosa di bello c’è nell'esistenza  Si, almeno qualcuno ha bisogno di me… Ancora una volta la vita mi ha dimostrato che l’amore non fa per me, che è un sentimento che devo dimenticare…
Nessuno mi darà mai l’opportunità di dimostrare di quanto amore sono capace.
Lo scopo della mia vita deve essere il lavoro; è l’unica cosa che mi può salvare….Lavorerò per lui; sarò la sua ombra e il suo sostegno : questa sarà la mia ragione di vita…”

2) IO SONO BRUTTA! : Nel capitolo 12, dopo una disastrosa uscita con la centralinista Anna Maria ed il suo accompagnatore, Betty si trova a riflettere…


“… L’amore è un fallimento per me… Oggi mi sono resa conto di non poter essere amata da nessuno : a una ragazza brutta gli uomini non danno la possibilità di farsi conoscere, giudicano solo l’aspetto esteriore; se una ragazza è bella, ha già la strada spianata semplicemente perché è affascinante : gli uomini la ascoltano, la desiderano e sopportano ogni suo capriccio…
Se sei brutta, non ti ascoltano nemmeno! Io sono brutta; ma per fortuna c’è qualcuno a cui non importa; al contrario, ha bisogno di me…E sono felice perché so che potrò restare al suo fianco per moltissimo tempo, anche se non riceverò mai niente da lui. Mi hanno detto che mi cambierà la vita e che io la cambierò a lui; non vedo l’ora di sapere quando accadrà…Speriamo che il tempo passi in fretta…” 

3) IL COCKTAIL D’AFFARI CON LA RAG TELA: Nel capitolo 21, dovendo accompagnare Armando ad una cocktail d’affari, la Banda delle Racchie decide di vestire la loro amica in maniera più adeguata. Solo Armando non si accorge del cambiamento…Durante il cocktail l'uomo passerà tutta la serata tentando di “corteggiare” la bella modella Claudia Helena Vasquez, mentre Beatrice, tra molteplici gaffes, si vedrà offrire una bustarella da Miguel Robles, capo della Rag Tela…

“…Lui è davvero fantastico con me: mi porta ai cocktails, mi riporta a casa in macchina, mi confessa le sue paure, come se non morissi di piacere ad ogni sillaba che dice! Mi protegge contro il vento e la marea; crede in me; mi supplica di non abbandonarlo, di rimanere al suo fianco; dice che ha bisogno di me!
Un uomo che ha già tutto, come lui, ha bisogno di una persona come me…
Però io non so come dirgli che anche io ho bisogno di lui e che morirei se mi lasciasse : è di questo che ho paura…Lui ha bisogno di me per il suo lavoro e io… Perché lo amo…”

4) COSA DEVO FARE? : Preoccupata per la situazione di suo padre, disperato e senza lavoro, Beatrice è combattuta su ciò che sia più giusto fare; quegli 80’000 dollari le cambierebbero la vita…

“… Vorrei essergli sempre fedele, ed in questo momento mi sembra di tradirlo…
So che posso concludere con la Rag Tela senza rimorsi, ma sto male per lui; sto male per la fiducia che ha in me, per le lotte che ha dovuto affrontare per me, per la posizione che mi ha fatto conquistare….
Mi ha esaltato, mi ha fatto toccare il cielo; ma soffro anche per qualcosa di molto più importante : mio padre, l’essere che amo di più in vita mia…
Soffro a vederlo star male, non sopporto di vederlo così; dopo tutto quello che ha fatto per me, non è giusto che ora non possa dargli una mano, che sia costretta a lasciarlo in balia della corrente…
Il signor Armando o il mio papà? Armando un giorno o l’altro scomparirà, mentre, invece, papà resterà qui e sarà accanto a me come sempre…" 
CONTINUA.... 

Piel de otoño - Trama completa (prima parte + immagini)



CAPITOLO 1
Lucìa Villareal (Laura Flores) è un a donna di mezz'età, sposata con Ramòn Mendoza (Sergio Goyri) da molti anni, e ha due figli, Liliana (Florencia Camacho), una ragazza di 19 anni che adora suo padre e che non ha un buon rapporto con la madre, e Miguel Angel (Franco Gala), che vive in conflitto con entrambi i genitori, in modo particolare con Ramòn, che lo umilia ritenendolo un incapace e alimentando così le sue insicurezze.
Lucìa è una donna molto sensibile e buona e ha sempre appoggiato suo marito in ogni sua decisione, aiutandolo anche ad ottenere successo nel mondo del lavoro e una posizione economica e sociale invidiabili.

Il matrimonio dei due, però, non è felice poiché Ramòn tratta Lucìa con disprezzo, facendo in modo che la donna perda la sua autostima e senta di non meritare amore da parte di nessuno.
Lucìa può contare sull'amicizia di alcune donne, le uniche persone che la trattano con rispetto e che le vogliono bene senza chiedere nulla in cambio: Triana (Raquel Olmedo), una donna che ha sofferto molto in passato per il tradimento di suo marito e che è vedova del suo secondo marito, Martin; Rosario (Marìa Marcela), migliore amica di Lucìa, donna dolce e buona che nasconde un segreto riguardo al suo passato che la fa soffrire molto, madre di due ragazzi, Gaby (Andrea Torre) e Eduardo (Jorge de Silva); e Jovita, la domestica di casa, sempre disposta ad aiutarla e a confortarla dopo le liti con Ramòn.

Un giorno Ramòn, dimenticandosi completamente dell'anniversario di matrimonio, dopo aver passato alcuni giorni fuori città con una delle sue amanti, rientra a casa e la maltratta dicendole che si è vestita come una poco di buono.
Lucìa non si ribella ed è convinta di meritare tutto questo perché non è capace di soddisfare suo marito e di essere bella come lui vorrebbe.
Anche la vita di Rosario è molto complicata perché la donna è ricattata da Victor Gutierrez, suo ex marito, dal quale è fuggita in seguito ai suoi maltrattamenti.
Victor picchiava la moglie e non faceva altro che umiliarla, anche dopo la nascita di Gaby ed Eduardo. Rosario, allora, ha deciso di scappare via e di rifarsi una vita lontano dal marito violento, mentendo però ai figli e raccontandogli che il loro papà  era una brava persona e che purtroppo è morta quando erano ancora piccoli.
Gaby stima molto sua madre perché l'ha cresciuta da sola, sacrificandosi sempre e non preoccupandosi minimamente di se stessa. La ragazza è innamorata del suo professore e viene ricambiata, ma dovrà affrontare non pochi  problemi per continuare la relazione.
Eduardo, invece, è un avvocato ed è innamorato di Liliana, la figlia di Lucìa e Ramòn, la quale però lo ha lasciato quando è partita per la Spagna, dove studia insieme ad altre amiche.
Liliana è una ragazza capricciosa e fin dal suo arrivo a Madrid ha sempre mentito ai suoi genitori, fingendo di essere una studentessa modello.
In realtà la giovane è rimasta incinta di Juan Carlos, il quale però non accetta il bambino e le suggerisce di abortire.
Liliana non se la sente di interrompere la gravidanza e decide di tenere il bambino, senza far sapere niente a nessuno, soprattutto alla sua famiglia.
Intanto Lucìa va a far visita a Triana, la quale le regala un libro sulla ricerca della felicità. Triana vuole molto bene a Lucìa e tenta in ogni modo di farle capire che deve pensare più a se stessa, deve credere nelle sue potenzialità e soprattutto non deve accettare passivamente tutto ciò che decide suo marito per lei, ma anzi deve ancora capire cosa vuol dire amare ed essere amati per davvero.
Lucìa inizia a leggere il libro e trova all'interno di esso una lettera indirizzata a Triana. La donna, curiosa, la legge. Il mittente fa le condoglianze alla donna per la perdita del marito e descrive la sua visione dell'amore:

Mi dispiace molto per il tuo dolore, mia cara Triana. La perdita di una persona cara è difficile per chiunque, soprattutto se si tratta di colui che ha fatto ritornare l'amore nella tua vita.So che le parole di conforto servono a poco, ma voglio dirti ciò di cui avrai sempre bisogno è ripensare all'amore che è rimasto dentro di te, quell'amore che hai dato a Martin.Questo amore vero che ti ha fatto brillare gli occhi,è l'unico che ti rende grande, ti sublima, cresce, un amore così puro che ti dà sempre di più e non ti toglie mai nulla, che ti aiuta ad andare avanti e mai a fermarti, perché è proprio questa la forza dell'amore. Aggrappati a questo amore in questo momento difficile. Se ti senti sola e hai bisogno di sfogarti, ti lascio il mio indirizzo email: viento@esmas.com.es
Per favore, scrivimi.  
La lettera, però, non è firmata con un nome, ma solo con l' indirizzo email. Lucìa ripensa a quelle parole per tutto il giorno e scrive sul diario segreto tutti i suoi pensieri a riguardo, credendo che Triana abbia lasciato di proposito quella lettera per farla riflettere sul suo matrimonio.
La donna crede di aver dato tutta se stessa per il marito e la sua famiglia, ma di sentirsi vuota e pensa che l'amore diminuisca di anno in anno, ad ogni autunno si ritrova sempre più sola.
Lucìa si mette al pc per scrivere una ricetta e in quel momento rivede la lettera di Viento e
copia l'indirizzo di posta elettronica e invia una mail a quest'uomo misterioso, nella quale gli dice di aver letto per caso una sua lettera e di avere una concezione opposta dell'amore rispetto alla sua.

"Ciao Viento, non mi conosci però sono arrivati a me i tuoi pensieri circa l'amore... per volere del destino, e anche se sono belle parole, sono sbagliate. Si capisce che tu non hai una famiglia. L'amore finisce, si consuma... l'amore si soffre."
"Ciao Otoño. Non so chi sei, però già mi hai detto tutto quello che non è amore, perchè non mi dici cos'è per te l'amore? Viento"
VIENTO: "Otoño, puoi chattare? Non hai risposto al mio messaggio."
OTONO: "Non posso parlare con te, vai via."
VIENTO: "Volevi parlare dell'amore no? sto ancora aspettando... so che sei lì... non essere timida, rispondi."

Lucìa non gli risponde e lo prega di andare via. Viento, allora, la saluta e le dice che non scriverà più se non vuole, anche se ha iniziato lei.
Il giorno dopo la donna si pente di averlo quasi cacciato via quando lui le aveva chiesto di parlargli della sua visione dell'amore.
Lucìa decide allora di scrivergli un'altra volta...


"Ciao, Viento,
 ti arrendi così facilmente a parlare d'amore? Otoño"

Lucìa piange sperando che Viento le risponda... ma per molto tempo non le arrivano nuovi messaggi.
La donna è dispiaciuta di aver trattato male il suo amico virtuale e del fatto che lui non le risponda più, poiché era l'unica persona a darle importanza, a non farla sentire invisibile.


OTONO: Non vuoi più parlare con me, viento?
VIENTO: Si che voglio parlare, ho visto il tuo messaggio. Non ho avuto tempo di risponderti.
OTONO: Scusami, volevo solo parlare con qualcuno.
VIENTO: Con qualcuno... o proprio con me?
OTONO: Con te... però forse non dovevo dirti che volevo parlare d'amore.
VIENTO: Voglio che sia chiaro che non mi sono arreso. Di cosa vuoi parlare?




OTONO: Come sei?
VIENTO: Come mi immagini?

OTONO: Non te lo dico...
VIENTO: Allora vuol dire che mi immagini in qualche modo...
OTONO: Forse... e tu?
VIENTO: Certo... sei bella

Bella, un complimento che da molti anni non si sentiva dire...
Da qui inizia la corrispondenza tra i due (sia via email che via chat), che si fa sempre più intensa e aiuta Lucìa a superare i momenti di sconforto vissuti a causa del suo matrimonio infelice.
La donna si firma "Otoño", mentre l'uomo si firma "Viento" e, anche se non vuole ammetterlo, Lucìa non riesce a non scrivergli e aspetta con ansia le sue email.
Il vero nome di Viento è Santiago (René Strickler), un artista di successo famoso per i suoi ritratti, un uomo molto sensibile e dolce alla ricerca di una storia d'amore intensa e duratura.



OTONO: Che succede quando l'amore ti abbandona?
VIENTO: L'amore ti abbandona o tu abbandoni lui?
OTONO: No... no...
VIENTO: Parli dell'amore come se fosse "qualcuno"
OTONO: Non è qualcuno ma vive dentro le persone
VIENTO: E vive anche dentro di te?
OTONO: Lo sento dentro di me, ma non lo ricevo.
VIENTO: E perchè non dai amore a te stessa? Così faccio io... perché sono solo.
VIENTO: Mi correggo... lo ero prima di conoscerti.
OTONO: Devo andare...


Lucìa tenta di essere più fredda con Viento perché non lo conosce nemmeno di persona ma si trova così bene a parlare con lui che non riesce a farne a meno.
Intanto Miguel Angel, il figlio minore di Lucìa, conosce Nora in una discoteca e ne rimane affascinato. La ragazza, però, è una prostituta e per colpa sua, il giovane finisce per essere picchiato da alcuni balordi.
Si scoprirà, inoltre, che il ragazzo è stato espulso dal collegio per le troppe assenze.
Il giorno dopo Ramòn, come sempre, dà la colpa a Lucìa dell'accaduto, ritenendola una madre incapace nell'educazione dei figli, cosa di cui non si può occupare lui a tempo pieno, a causa del suo lavoro.
Ramòn parte per Miami con la sua amante Jessica, fingendo di dover viaggiare per lavoro, e nel frattempo Liliana partorisce una bellissima bambina, che decide di chiamare Natalia.
All'ufficio di Ramòn, intanto, arriva una nuova impiegata, Rebeca (Sabine Moussier), ragazza sexy e provocante, intenzionata a far cadere ai suoi piedi Ramòn.


CAPITOLO 2

Liliana torna in Messico dopo aver partorito, facendo finta di niente con i genitori, dopo aver abbandonato la sua bambina in un convento. La ragazza prima di tornare a casa, si è recata in chiesa per battezzare Natalia e l'ha affidata ad un sacerdote, il quale però non poteva tenerla con sè e le ha proposto di farla crescere in un convento.
Lucìa quando rivede la figlia, si accorge fin da subito che c'è qualcosa di strano in lei e le chiede se per caso sia successo qualcosa a Madrid che l'ha turbata.
Invece di confidarsi con la madre, la rimprovera di volersi intromettere nella sua vita e la manda al diavolo ancora una volta.
La ragazza è in contatto con una sua amica spagnola, la quale fa da tramite tra lei e le monache che stanno allevando Natalia e le manda dei soldi per poterla mantenere.
Intanto Triana assiste all'inaugurazione della mostra dedicata ai Maya, progetto che ha voluto fortemente e al quale tiene molto.
La donna, però, rimane di sasso quando il presentatore dell'evento, al momento di far salire l'organizzatrice sul palco, pronuncia il nome di Angeles, attribuendole tutto il merito della riuscita del progetto.
La ragazza, presuntuosa e superficiale, ringrazia Triana per la sua "collaborazione" e la saluta soddisfatta.
Intanto Ramòn torna in Messico in compagnia di Jessica e per poco non incontra Lucìa, la quale si è recata all'aeroporto per fargli una sorpresa.
L'uomo la vede ma fa finita di nulla e torna a casa. Appena Lucìa rientra la rimprovera come sempre di non averlo aspettato a casa pur sapendo che stava per rientrare.
La donna cerca di spiegargli che non era uscita per divertirsi o fare altro, ma proprio per raggiungerlo all'aeroporto. Ramòn fa finta di non crederle e continua a trattarla male.
Lucìa non capisce perché suo marito la tratti così e si chiude in camera sua e accende il pc, sperando di trovare il suo amico virtuale.
Ramòn si reca in ufficio e gli viene presentata Rebecca, la sua nuova collaboratrice. Fin da subito l'uomo si sente attratto dalla ragazza e di lì a poco i due inizieranno a vedersi di nascosto.

Rebeca è molto abile nel sedurre gli uomini e non si concede al primo appuntamento, così da far impazzire Ramòn e farsi desiderare ancora di più.
L'uomo allora, quando torna a casa, obbliga la moglie a fare l'amore con lui, per soddisfare i suoi desideri dopo il rifiuto di Rebeca.
Lucìa lo prega di lasciarla stare perché non le piace il suo modo violento di avvicinarsi a lei, ma le sue parole non vengono ascoltate e Ramòn la violenta.
Lucìa, dopo il rapporto, si alza e si chiude nella sua camera personale piangendo. Chiudendo gli occhi, la donna immagina di trovarsi insieme al misterioso "Viento", il quale la abbraccia con dolcezza, senza farle del male.


OTONO: Sei lì?
OTONO: Rispondimi per favore.
OTONO: Ho bisogno di parlare...

Viento non risponde e Lucìa ha tanto bisogno di parlare...

OTONO: Ti ho cercato prima ma non ti ho trovato... dove sei?
VIENTO: Sono uscito a caccia di volti. Come stai Otono? Non è troppo tardi per te?
OTONO: Sei un'artista, vero?
VIENTO: Sei sensibile, Otono. Preparo gli alberi dell'autunno perché possano ricevere l'inverno.
OTONO: Ti piace giocare con me.
VIENTO: Non è che mi piaccia... è la natura del vento. E tu che fai?

Senza rendersene conto Lucìa si interessa sempre di più all'uomo ma ciò non riesce ancora a farla reagire e a farle credere che per lei ci possa essere un futuro migliore, accanto ad una persona che l'apprezzi, che la ami rispettandola. Intanto la relazione tra Gaby e il suo professore procede ma viene scoperta dall'Università, che licenzia l'uomo per violazione delle norme del centro.
Eduardo, invece, ha iniziato una relazione con Claudia, avvocatessa sposata con il capo della polizia, un uomo violento e rude.
Intanto Victor, padre di Gaby ed Eduardo, riesce a trovare l'indirizzo di casa della sua ex moglie e va a farle visita minacciandola di rivelare tutto ai suoi figli se non paga.
La donna è disperata e non sa cosa fare perché Victor è un uomo molto violento e potrebbe anche ammazzare lei o i due ragazzi.
Rosario decide di tacere ed è costretta anche a seguire l'uomo in un appartamento dove la obbliga a spogliarsi per lui. La situazione diventa insostenibile quando Victor prende casa proprio vicino a quella della sua vecchia famiglia, avvicinandosi ai figli mostrandosi come un uomo buono e generoso.
Infatti sia Gaby che Eduardo fanno amicizia con lui e lo ritengono degno della loro fiducia.
Intanto Triana riceve una chiamata dalla Spagna. Si tratta del suo amico Santiago, che le dà una notizia: il suo ex marito, che l'ha abbandonata a Valencia molti anni prima quando l'aveva scoperto insieme ad un'altra donna, è morto e le ha lasciato tutto quello che aveva.
Santiago invia a Triana una lettera di Rodrigo, l'ex marito della donna, in cui le dice che si è pentito di quello che ha fatto e che a modo suo vuole rimediare lasciandole la sua fortuna.
Triana ricorda i brutti momenti vissuti a causa del suo tradimento e pensa di non accettare il denaro o di donarlo in beneficenza, anche se non può evitare di commuoversi ripensando ai momenti felici.
Liliana va in palestra con la sua amica Carmina e ha una perdita di sangue e va in ospedale. I medici le dicono che ha avuto un'emorragia vaginale perché non ha rispettato la quarantena dopo il parto e che deve stare qualche giorno sotto osservazione.
Liliana supplica la dottoressa di non dire nulla alla sua famiglia. La donna accetta e le raccomanda assoluto riposo.
Lucìa si accorge che sua figlia si comporta in modo strano ma la ragazza la manda a quel paese e le dice che non deve immischiarsi nella sua vita.
Lucìa non si arrende e la tiene sott'occhio sperando si scoprire qualcosa.
Qualche giorno dopo a casa Mendoza si tiene una festa alla quale partecipa anche Rebeca, che si finge amica di tutti e cerca di guadagnarsi la fiducia di Lucìa e dei ragazzi.
Alla festa è presente anche Bruno, amico di Ramòn che quest'ultimo aveva incaricato di andare in Spagna per controllare la figlia.
Liliana aveva fatto finta di essere Carmina, una sua amica di studi, per far passare la ragazza per lei, così da nascondere di essere in stato interessante.
Liliana rivede Bruno e si rifiuta di partecipare alla festa, chiudendosi in camera sua.
Ma il giovane non tarderà a scoprire di essere stato ingannato e fingerà di credere alla storia della ragazza ammalata che non voleva far preoccupare i genitori...

CONTINUA...



FOTO


Liliana, Lucìa, Ramon e Miguel Angel.



Lucìa e Santiago


Triana, Lucìa e Rosario.


Rebeca


Gaby e il suo professore Gustavo



mercoledì 18 settembre 2013

Joia rara: prime impressioni

Lunedì 16 è iniziata la nuova novela di Rede Globo delle 18, "Joia Rara", storia ricca di emozioni che parte nel 1935, girata tra Cile, Nepal e Brasile, tra i templi buddisti, i cabaret di Lapa, le fabbriche di gioielli dove lavorano gli immigrati italiani, l'Everest e molto altro.


La prima puntata inizia proprio sul monte Everest dove Franz (Bruno Gagliasso), Manfrd (Carmo de la Vecchia) e Eurico (Sacha Bali) stanno per raggiungere la vetta.
Franz non immagina che Manfred, suo fratellastro, cresciuto insieme a lui a casa Hauser, è invidioso di lui perché non si è mai sentito parte della famiglia, ma solo il figlio della domestica.
Manfred decide di tagliare una delle corde che servono a Franz per riscendere la montagna.
Il giovane sta quasi per precipitare nel vuoto ma riesce ad aggrapparsi alla roccia.
In quel momento una valanga travolge tutti e Manfred viene travolto dalla neve e trascinato via.
Franz, senza sapere nulla del tradimento di Manfred, tenta di salvarlo, senza riuscirci.
Il giovane comincia a gridare aiuto ma la neve lo seppellisce.
Fortunatamente Franz viene trovato da un gruppo di monaci buddisti che erano lì in ritiro spirituale.
Il ragazzo viene così portato al Monastero di Padma Ling dove viene curato.




Passa qualche giorno e Franz si risveglia e chiede dei suoi compagni d'avventura.
Ananda Rinpoche (Nelson Xavier), maestro buddista, gli dice che non hanno trovato altre persone e che quindi è l'unico sopravvissuto.
Franz è sconvolto e Ananda gli parla della reincarnazione, della morte come passaggio, e cerca di fargli capire che i suoi amici ora continuano a vivere in altri corpi.
In realtà Franz non è l'unico ad essersi salvato; anche Manfred è stato trovato da alcuni turisti ed è tornato a casa.
L'uomo è convinto che Franz sia morto insieme ad Eurico e viene nominato direttore delle fabbriche Hauser, dato che l'erede non è più in vita.
Alfred festeggia il traguardo insieme a Lola Gardel (Leticia Spiller), ballerina e cantante di un Cabarè, il Pacheco Leão.
Intanto alla fabbrica iniziano le rivolte operaie perché le condizioni di lavoro sono sempre più difficili. Amélia (Bianca Bin), stanca dei maltrattamenti, si ribella al padrone perché ha licenziato un povero operaio malato che ora non sa come mantenere la sua famiglia.
E proprio quando Franz torna casa sano e salvo, la giovane si mette davanti alla macchina dove c'è il ragazzo e suo padre Ernest e inizia ad urlargli contro, pretendendo che il suo amico venga riassunto quanto prima.
Ernest ordina all'autista di investire Amelia, lasciando Franz sconvolto.
Il giovane scende dalla macchina e soccorre la ragazza che, fortunatamente, non si è fatta male.
In quel momento Franz ricorda che Eurico, prima di morire, gli aveva parlato di una ragazza conosciuta in fabbrica che voleva sposare... la ragazza è proprio Amélia.
I due si guardano per qualche secondo sotto la pioggia scrosciante...



La prima puntata mi è sembrata interessante, anche se è troppo presto per tirare conclusioni. La storia del fratellastro che odia il protagonista sembra già vista, ma magari la svilupperanno in modo diverso....
Bellissima scenografia, come sempre. Almeno in questo le brasiliane non deludono mai.
La puntata si conclude con la musica di 
Milton Nascimento cantando "Nascente", colonna sonora dell'amore tra i due protagonisti, nato con un solo sguardo sotto la pioggia.


lunedì 16 settembre 2013

Trama completa - Rubi (2004)


Rubi è una giovane e bella universitaria che vive con sua madre, Refugio, e con sua sorella Cristina, in un quartiere popolare.
La ragazza è insoddisfatta della propria vita e vorrebbe appartenere all'alta società.
Per questa ragione è ossessionata dal denaro e decide di utilizzare la sua bellezza per attrarre a sé un uomo ricco che la faccia vivere come una signora, circondata da lussi, prestigio e comodità.
All'università Rubi conosce Barbara, ragazza molto ricca, sensibile e timida, che da piccola ha avuto un incidente che le ha causato problemi alla gamba destra e non può camminare normalmente.
Barbara diventa subito amica di Rubi senza sapere che la ragazza prova per lei solo invidia e gelosia.
Barbara conosce su internet un giovane chiamato Ettore Ferrer, un architetto milionario che rimane colpito da lei e le chiede di conoscerla di persona.
Barbara è spaventata e teme un rifiuto a causa del suo handicap, e chiede a Rubi di riceverlo una volta arrivato a Città del Messico.
Rubi riceve Ettore e con sorpresa scopre che ha portato con sé il suo migliore amico, Alessandro Càrdenas, da poco laureato in Ortopedia.
Rubi si sente attratta da Alessandro e sente di aver trovato finalmente l'uomo adatto a lei: ricco, bello e giovane.
Alessandro ricambia l'amore di Rubi ma la ragazza, una volta scoperto che il giovane in realtà non è ricco ma è stato aiutato economicamente da Ettore, inizia a disprezzarlo.
Nel frattempo Ettore conosce Barbara e, malgrado preoccupazioni della giovane, le chiede di sposarlo.
Rubi smette di frequentare Alessandro e lo rimprovera di averle mentito circa la propria identità, ma il giovane capisce che l'ha lasciato solo per la sua assurda ambizione di sposare un uomo ricco.
Mentre tutti sono alle prese con i preparativi del matrimonio di Barbara ed Ettore, Rubi riesce ad ottenere, grazie alla sua migliore amica, un posto nell'impresa di Ettore.
E così parte il suo piano diabolico: sedurre il giovane milionario con la sua bellezza e la sua sensualità, e rovinare la vita a Barbara, ragazza che a suo parere ha sempre avuto tutto quello che a lei è mancato.
Ettore si sente confuso e dopo numerosi tentativi di sedurlo, Rubi riesce a farlo innamorare di lei e i due scappano insieme a Cancùn, lasciando la povera Barbara il giorno delle nozze.
Ettore cade completamente nella rete di Rubi e arriva addirittura a sposarla, oltre a comprarle gioielli, vestiti di ogni genere e una casa.
La nuova sposa di Ettore non viene accettata dalla famiglia, da tempo affezionata alla dolce Barbara, e nemmeno da Alessandro.
Nonostante tutto Rubi non si scoraggia e continua il suo piano coinvolgendo anche Gennaro, padrino di Ettore, che scopre essere sposato con due donne, e inizia a ricattarlo e a minacciarlo di rivelare a tutti la sua bigamia.
La giovane, inoltre, non riesce a vivere serena la sua relazione con Ettore e ostacola anche la vita sentimentale della sorella Cristina, innamorata dell'autista di Barbara, Gaetano.
Per impedire alla sorella di continuare la sua relazione con un "poveraccio" come Gaetano, lo fa arrestare.
Nel frattempo Cristina scopre di essere incinta e, nonostante le suppliche della madre, Rubi si rifiuta di aiutarla a far uscire di prigione il povero Gaetano.
Inoltre la giovane inizia a perdere interesse nei confronti di Ettore e a frequentare un ricco magnate messicano, Yago Pietrasanta.
Dopo aver affrontato la figlia e averle dichiarato il proprio disprezzo, Consuelo, la madre di Rubi, muore di dolore.
Passano tre anni e Rubi continua ad essere insoddisfatta della propria vita: Ettore si è dimostrato un marito troppo geloso e per di più ha scoperto di essere gravemente malato e di avere pochi mesi di vita.
Alessandro nel frattempo è diventato milionario ed è uno dei più prestigiosi e bravi medici della città.
L'uomo ha sposato Sonia, ex amante di Yago, e ciò suscita la gelosia di Rubi che, pur avendo lasciato, non accetta di vederlo tra le braccia di un'altra.
Intanto Cristina è sempre decisa a sposare Gaetano, nonostante sia ancora in carcere, ma l'uomo viene ritenuto colpevole e condannato a cinque anni di reclusione e, disperato, decide di allontanare la donna che ama, troncando la relazione.
Alessandro rivede Rubi e, contro la sua volontà, rinasce in lui il vecchio sentimento.
Sonia li sorprende a baciarsi e dice al marito di volerlo lasciare libero di seguire il proprio amore.
Pentito, Alessandro le giura di voler passare il resto della vita con lei.
Durante una discussione con Rubi, Sonia cade da un ponte di vetro nel giardino di casa, e muore sotto gli occhi della ragazza.
Alessandro è distrutto e dopo qualche tempo decide di dimenticare la tragedia e lasciare la città per recarsi a Ixtapa dove, però, incontra Rubi ad una sfilata.
Alessandro non resiste alla tentazione e passa una notte d'amore con Rubi, notte che presto porterà una novità nella vita della giovane: un figlio.
Ettore scopre l'infedeltà di Rubi e poco a poco tutte le sue malvagità vengono scoperte.
Anche Alessandro viene a conoscenza della vera natura di Rubi e decide di stare con lei solo per il figlio che aspetta da lui, poiché non sente più amore ma solo disprezzo per ciò che ha fatto.
Intanto Barbara inizia a frequentare la clinica di Alessandro e tra i due nasce una bella amicizia che porterà i due ad innamorarsi l'uno dell'altra.
Rubi perde il suo bambino dopo essere stata investita da un auto per salvare la sua nipotina, Fernanda, la figlia di sua sorella Cristina.
Così la giovane corre da Alessandro e finge di essere stata aggredita da Ettore e di aver perso il bambino a causa sua.
Alessandro affronta Ettore e i due litigano pesantemente. Il marito di Rubi, però, non si arrende e decide di indagare e portare le prove ad Alessandro della propria innocenza.
Dopo aver raccolto il referto della clinica, si dirige a casa di Alessandro per dirgli la verità, ma muore tragicamente in un incidente.
Rubi diventa così l'erede universale dei beni del suo defunto marito ma, non sapendo gestire l'impresa di famiglia, la porta in rovina.
Alessandro scopre la verità sull'aborto di Rubi e le chiede di allontanarsi per sempre da lui.
Rubi, disperata per aver perso tutto, corre dietro ad Alessandro ma finisce per cadere da una balaustra e viene portata d'urgenza all'ospedale.
Rubi è ormai irriconoscibile: il suo volto è pieno di cicatrici e ha perso la sua gamba destra.
Intanto Barbara e Alessandro, sempre più uniti e complici, decidono di sposarsi e vanno a vivere insieme a New York.
Rubi, dopo aver saputo del matrimonio di Alessandro, trama ancora alle sue spalle, nonostante la sua tragica situazione e questa volta coinvolge la nipotina.
Passano gli anni e Fernanda è ormai diventata una ragazza e somiglia in un modo impressionante a sua zia Rubi.
Così, approfittando della somiglianza, Rubi ordina a Fernanda di sedurre Alessandro e far soffrire Barbara.
Intanto Gaetano, uscito dal carcere e riconciliatosi con Cristina, muore a causa di una malattia.
La telenovela si conclude con la scena in cui Alessandro si dirige nel suo studio dove incontra Fernanda che lo stava aspettando.
L'uomo rimane sconvolto nel vederla e non riesce a capire come mai Rubi si trovi lì.
La ragazza chiude la porta e lo bacia, così la malvagità di Rubi potrà vivere ancora attraverso di lei...
(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)

Trama completa - "La passione di Teresa"/"La Pasión de Teresa" (a cura di Ofe Lia)



TRAMA COMPLETA A CURA DI OFE LIA: 
Teresa è una giovane novizia il cui padre finisce improvvisamente all’ospedale in seguito ad un attacco cardiaco. 
Edoardo Velasco è un venezuelano che si è trasferito negli Stati Uniti illegalmente e che, per poter prosperare negli affari più agevolmente, ha intestato le sue aziende e proprietà a Dan Milton.
Teresa esce dal convento e fa visita al padre che fa delle pesanti accuse contro la sua compagna, Sabrina Santero, e il suo socio in affari, Dan Milton, il suo prestanome.
L'uomo ha scoperto infatti che Sabrina e Dan Milton sono amanti e assieme i due riescono ad uccidere il padre di Teresa.
Teresa conosce nel frattempo il figliastro di Dan, Daniele Valdez, che la corteggia. Lei sembra ricambiarlo, ma la fidanzata di lui, Erica, interrompe un loro incontro annunciando la sua gravidanza.
Daniele rifiuta di sposarsi ma Teresa decide comunque di allontanarsi dal ragazzo e persegue nella sua ricerca per la verità sulla morte di suo padre.
Durante le sue indagini, viene segretamente seguita da Massimo Valdez, fratello gemello di Daniele e amante di Molly, la fidanzata del boss malavitoso Sylvester.
Sabrina, gelosa delle attenzioni di Daniele verso Teresa, contratta una vagabonda, Milena, che le getta dell’acido in faccia. Teresa viene soccorsa subito, ma rimane cieca.
Durante il suo ricovero in ospedale, Massimo le si presenta e la sostiene in quel momento difficile. I due finiscono quindi per innamorarsi l’uno dell’altra.
Teresa, finalmente dimessa dall’ospedale, si reca dalla polizia per denunciare i gravi crimini di cui si sono macchiati Sabrina e Dan Milton, ma non viene creduta.
Sabrina, divenuta l’amante di Daniele, e resa piena d’astio e di rancore dal persistere dei sentimenti del giovane per Teresa, fa in modo di farla sfrattare dall’appartamento intestato alle aziende del padre ora in mano a Dan Milton.
Teresa viene aggredita e tenuta prigioniera da dei farabutti mandati da Sabrina.
Molly, entrata in confidenza con la ragazza, riesce a scoprire dove la giovane è rinchiusa, la libera e la riporta da Massimo, che però decide di abbandonarla perché non vuole coinvolgerla nella sua vita fatta di traffici illeciti assieme a Sylvester.
Teresa non accetta la fine della loro relazione e decide di seguirlo in Venezuela, a Pietra Nera, assieme a Sylvester e a Molly, in fuga dall’FBI. Franca e Giuliano, zii di Teresa, fanno visita a Sabrina preoccupati per la mancanza di notizie da parte della nipote.
Daniele, venuto a conoscenza della relazione tra Massimo e Teresa, da un lato approfitta dell’assenza del fratello facendosi passare per lui e conquistando donne in giro per Miami, tra cui anche Monica, la cugina di Teresa, e dall’altro, nel ruolo di se stesso, sembra deciso a sposarsi con Erica.
Nel frattempo, la madre dei due fratelli, Amanda Valdez, fugge dall’ospedale psichiatrico in cui il marito, Dan Milton, l’aveva rinchiusa dopo aver architettato la sua morte misteriosa anni prima.
Negli Stati Uniti, Daniele ritrova il documento in cui Edoardo Velasco nomina Dan Milton come suo prestanome e decide di servirsene: il suo piano è recarsi in Venezuela e quindi sposare Teresa per prendere possesso della sua eredità.
Erica, preoccupata per le mancanze di notizie da parte di Daniele circa i preparativi per il matrimonio, va a casa sua e la trova vuota.
In Venezuela, Massimo e Teresa vengono a sapere che Amanda Valdez era stata ricoverata in un manicomio e che poi è riuscita a fuggire. Sylvester, convinto che Massimo lo abbia venduto alle autorità venezuelane, decide di farlo fuori.
Massimo decide di andare a chiarire la situazione con il suo ex capo, nonostante Teresa sia contraria ma non riesce a convincere Sylvester che lo fa rinchiudere.
Nel frattempouna novizia, amica di Teresa, le fa visita e le parla di una povera donna in preda alle allucinazioni arrivata alla parrocchia.
Teresa riconosce nelle parole della donna riportate dalla sua amica, la madre di Massimo, ma quando raggiunge la chiesa la donna è scomparsa.
Daniele, facendosi passare per suo fratello Massimo, riesce a scoprire dove abita Teresa e si installa nella sua casa. Teresa, leggermente perplessa dal comportamento del fidanzato, racconta al finto Massimo di Angela e l’uomo decide di andare a Pietra Nera per trovarla.
Barbara, una domestica di Sylvester, riesce a liberare Massimo e lo fa andare a casa sua dove sta ospitando Angela: i due fratelli si incontrano.
Dan Milton si accorge della mancanza del documento in cui si attestano come sue le proprietà di Edoardo Velasco e crede sia stata Teresa ad avergliele sottratte, decide così di accompagnare Franca in Venezuela per rintracciare Teresa. Anche Sabrina decide di andare in Venezuela. Barbara, la domestica che ha aiutato Massimo a fuggire, capisce che Sylvester s’è accorto della fuga del prigioniero, e corre a casa dove scambia Daniele per Massimo e gli suggerisce un percorso di fuga. Massimo viene ferito alla spalla dagli uomini di Sylvester e durante la fuga incontra Daniele, che si rifiuta di aiutarlo, e anzi lo spinge in un dirupo.
Teresa viene a sapere dell’arrivo di sua zia in Venezuela e la raggiunge. Daniele viene beccato da uno scagnozzo di Sylvester e viene costretto a lavorare per lui. Erica chiede aiuto a Dan Milton che la invita in Venezuela, nella casa del padre di Teresa, ora in mano sua.
Padre Umberto, colui che aveva accolto Amanda nella sua parrocchia, raggiunge Pietra Nera e riesce a convincere Sylvester a rilasciare Massimo, che va a casa di Teresa. Erica, vedendolo, sviene.
Franca e le sue figlie, preoccupate, le chiedono spiegazioni e lei ammette che Massimo non è altri che Daniele, il suo fidanzato.
Monica, indispettita per il comportamento di Massimo, vuole affrontare il ragazzo ma Iolanda, sua sorella, la ferma. Consuelo, un’amica di Teresa, rincontra un suo precedente fidanzato, Renato Molina, che ora è divenuto oculista, che si offre di operare Teresa.
Daniele, terrorizzato all’idea che Teresa, divenuta sempre più incerta e dubbiosa, una volta riacquistata la vista, lo possa rifiutare riconoscendolo come Daniele, propone a Teresa di sposarsi prima dell’intervento. Teresa scopre di essere incinta.
Dan Milton, incapace di capire se il fidanzato di Teresa è realmente Massimo o Daniele, riesce a convincere Erica, ormai disillusa completamente sul conto di Daniele, a tornare a Miami. Sabrina riconosce invece Daniele e tenta di ricattarlo, ma il ragazzo controbatte minacciandola di dire la verità circa quando lei gli aveva raccontato sulla morte di Edoardo Velasco.
Teresa e Daniele, con l’identità di Massimo, si sposano civilmente. Teresa viene operata, inizialmente sembra che l’esito sia negativo ma col tempo riesce a riconoscere il volto di Daniele e per lo shock resta nuovamente cieca. Massimo, moribondo, viene portato da una giovane guaritrice, Doriana, che riesce a salvargli la vita.
Teresa riacquista la vista e affronta Daniele Valdez, che sostiene di essere sempre stato lui al suo fianco: Massimo Valdez non è mai esistito! Sabrina e Dan Milton, per non perdere le proprietà sottratte a Teresa, organizzano un piano per far passare per pazza Teresa e, con l’aiuto di Daniele, riescono, facendola cadere in una trappola ben architettata, a farla rinchiudere in manicomio. Massimo, ormai ristabilitosi, decide di tornare a Pietra Nera per cercare sua madre e qui incontra Barbara, stupita di vederlo perché convinta che se ne fosse andato con padre Umberto.
Amanda muore poco dopo l’arrivo di Massimo, al quale raccontano che la donna ripeteva sempre dei numeri: 7 – 3 – 8 – 0 – 0 -24 . Daniele corrompe un medico dell’ospedale psichiatrico per avere una diagnosi a lui favorevole e ottenere l’internamento di Teresa e la totale libertà sull’eredità della moglie.
Daniele si accorda con Molly, di cui nel frattempo è divenuto l’amante, per fuggire assieme prima del suo matrimonio con Sylvester; nel frattempo però non disdegna né Monica né Sabrina. Sylvester scopre il piano ordito da Molly e uccide Daniele, credendolo Massimo, il quale finalmente viene a sapere che Teresa è rinchiusa in manicomio, di notte si intrufola di nascosto per spiegarle quanto è accaduto ma la ragazza crede si tratti di Daniele e lo caccia.
Franca va a trovare Teresa per annunciarle la morte di Massimo (in realtà Daniele), la ragazza però non le crede perché quella notte ha ricevuto la visita di Daniele (in realtà Massimo).
La zia decide di riportarla a casa, per portare avanti la gravidanza in maniera serena in famiglia. Molly, riuscita a sfuggire all’ira di Sylvester e all’inseguimento della polizia, si rifugia a casa di Teresa.
Massimo riesce finalmente ad individuare, tramite i numeri che ripeteva sempre sua madre, il conto corrente in cui sono depositati i soldi di sua madre di cui voleva impadronirsi Dan Milton e per i quali aveva fatto rinchiudere la moglie al manicomio.
Teresa con l’aiuto della sua vecchia governante Amalia, una trappola per incastrare Sabrina e Dan. Sylvester , tramite un annuncio fasullo di lavoro, riesce ad incontrare ancora una volta Molly, ma la polizia irrompe e li arresta entrambi.
Un anno dopo, in occasione del battesimo di Edoardo, il figlio di Teresa, Consuelo e suo marito Renato hanno trovato le prove della corruzione, da parte di Daniele, Dan Milton e Sabrina Santero, del dottore che dichiarò pazza Teresa.
Sabrina e Dan si accusano a vicenda dell’omicidio di Edoardo Velasco. Massimo, approfittando della presenza della polizia, accusa Dan Milton di aver fatto rinchiudere senza motivo sua madre in un manicomio e di averla portata alla morte.
Massimo spiega quanto è accaduto a Teresa e finalmente i due possono vivere assieme felici e contenti con il figlio nato dal loro amore.

Altro remake per Aracely Arambula

Telemundo e Argos stanno preparando il remake de "El cuerpo del deseo". Il titolo non è ancora definitivo ma sembra essere "Almas perdidas" e sarà interpretato ad Aracely Arambula, reduce dal successo de "La patrona".
"El cuerpo del deseo" è stata una telenovela di successo prodotta da RTI per Telemundo nel 2005 con Lorena Rojas e Mario Cimarro.


La storia racconta di Pedro José Donoso, un milionario che a 67 anni inizia una relazione con una ragazza giovane e bella chiamata Isabel Arroyo.
La figlia di Pedro, Angela, però, dubita molto delle buone intenzioni di Isabel che all'improvviso è diventata la sua matrigna.
Pedro muore a causa di un infarto ma la sua anima, desiderosa di rimanere accanto alla donna che ama, entra in un altro corpo, quello di Salvador Cerinza, un umile contadino.
Il ritorno alla vita in un corpo diverso permetterà a Pedro di scoprire tanti inganni da parte delle persone che credeva suoi amici, soprattutto il tradimento di sua moglie con uno degli impiegati della sua azienda.


I candidati per interpretare il ruolo che fu di Cimarro sono David Chocarro (El rostro de la venganza), Rafael Amaya (El senor de los cielos) e Eugenio Siller (Una maid en Manhattan).
Chi sarà scelto tra i tre? E tu quale preferisci?




Estreno anticipato per "Lo que la vida me robò"

Anticipata la messa in onda di "Lo que la vida me robò", remake di "Nozze d'odio" ambientato ai giorni nostri con Sebastian Rulli e Angelique Boyer, coppia molto amata nel mondo delle telenovelas che abbiamo potuto apprezzare in "Teresa", titolo di successo targato Televisa.
Rulli interpreterà Alejandro Almonte che "strapperà" l'amore della donna che ama (Angelique nel ruolo di Monserrat Mendoza) a José Luis Alvares (interpretato da Luis Roberto Guzman).
La telenovela sarebbe dovuta iniziare il 4 novembre, ma partirà il 28 ottobre e sostituirà "La tempestad", che non ha avuto buoni ascolti e che quindi terminerà prima del previsto.
"Lo que la vida me robò" è ambientata a Campeche, location utilizzata anche per la bellissima "Il prezzo di una vita". Molte scene saranno girate all'ex Hacienda Huayamòn.





Nel cast ritroveremo anche Gabriela Rivero (in basso nella foto), protagonista de "Il dottor Chamberlain" accanto a Humberto Zurita, dopo 6 anni da "Pasion". Sarà la zia della protagonista, Carlota.



venerdì 13 settembre 2013

Marck Tacher rimane a Televisa

La produttrice Rosy Ocampo sta realizzando il remake della telenovela colombiana "Pobres Rico". Nel cast ci sarà anche Mark Tacher che interpreterà l'antagonista della storia, mentre Jaime Camil sarà il protagonista.
Mark non lascia Televisa allora... peccato. Speriamo che questa novela non sia così assurda almeno!






giovedì 12 settembre 2013

Doramasmania!

Il dorama, è un formato di serie televisiva comune in Giappone, Corea, Taiwan, Hong-Kong, Cina e Filippine. Parola derivata dalla pronuncia giapponese di drama, in realtà non sempre trattano di storie drammatiche.
La maggior parte dei canali giapponesi producono dorama di ogni genere. I dorama possono essere adattamenti di manga e anime (in tal caso detti live action) come ad esempio il live action di Great Teacher Onizuka, oppure storie originali, come Atashinchi no danshi.
I dorama possono essere di durata variabile, sia in formato di serie televisiva, film (chiamati Tanpatsu) o special; le serie televisive sono mediamente di 11-12 episodi che vengono trasmessi una volta alla settimana ed hanno una durata di 45 minuti.
A seconda del periodo di trasmissione in onda della serie, si possono distinguere 4 tipi di dorama: Invernale, Primaverile, Estivo e Autunnale. Le nove principali reti televisive nipponiche producono in media 20 drama diversi per ogni stagione.
In base all'ora di messa in onda del programma o all'argomento trattato, possiamo distinguere diversi tipi di dorama, tra cui ricordiamo quelli ad ambientazione storica, detti Jidaigeki, e quelli che raccontano storie d'amore (RenAi).



My fair Lady

Kang Hae Na è una ragazza testarda ed egoista che vive come se il mondo giri intorno a lei senza preoccuparsi di nulla. Ella soffre della sindrome della principessa, ereditiera super milionaria, bella, che ha tutto tranne l'amore.
La sua vita cambia quando suo nonno contratta come suo assistente personale Seo Dong Chan, ragazzo che lei detesta, la cui intenzione è quella di sedurla con le sue doti da seduttore per impadronirsi dell'eredità per salvarsi dai ricatti di alcuni mafiosi.
Il piano di conquista, però, si trasforma ben presto in amore. Kang Hae Na si sente attratta da Lee Tae Yoon, un avvocato civilista educato, comprensivo, che corrisponde il suo sentimento...


lunedì 9 settembre 2013

Avenida Brasil - Trama dettagliata (seconda e ultima parte)

Ti sei perso la prima parte della trama dettagliata di "Avenida Brasil"? Ecco il link http://telenovelasmaniablog.blogspot.it/2013/09/capitolo-1-genesio-tony-ramos-e-un.html

CAPITOLO 4
Nina e Jorginho continuano la loro relazione di nascosto; la ragazza finge di avere un fidanzato che però nessuno ha mai visto, per calmare in questo modo i sospetti di Carminha.
La donna però, venuta a sapere che suo figlio ha avuto una storia Rita, è preoccupata perché il figlio è spesso fuori casa, anche se sa che la ragazza ora si trova lontano grazie ai suoi soldi.
Intanto Zézè, domestica di Carminha, sorprende Monalisa e Tufão insieme e corre a parlarne con la padrona.
Ancora una volta Carminha riesce a passare da vittima; la donna si reca al negozio di parrucchiera di Monalisa e la umilia davanti a tutti accusandola di andare a letto con un uomo sposato, suo marito.
Poi ritorna a casa e fa finta di avere intenzione di andare via e di lasciare per sempre Tufão, interpretando il ruolo di donna tradita e distrutta dal dolore.

L'uomo le chiede perdono e la supplica di non andare via, credendo di essere stato ingiusto con lei e di non averla rispettata.
Intanto Nina si avvicina sempre di più a Max per ottenere maggiori informazioni su Carminha e raccogliere le prove per incastrarla.

TvyNovelas: articolo dedicato a Guy Ecker (numero 34 - 26 agosto 2013)






domenica 8 settembre 2013

Il dono della vita - Trama completa


(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)

CAPITOLO 1
La storia è ambientata a Città del Messico negli anni '30 durante il periodo delle rivolte studentesche.
Maria Sanchez Amaro (Daniela Romo) è una ragazza di buona famiglia, educata e sensibile, che vive con suo padre Diego (Gustavo Rojo) e la seconda moglie dell'uomo, Eva (Alma Muriel), una donna senza scrupoli che si è sposata solo per interesse.
Maria lavora come maestra in una scuola di canto ed è fidanzata con Alfredo Roman (Omar Fierro), un giovane squattrinato e giocatore di pelota che mira al patrimonio della ragazza per pagare i debiti di gioco a Tomas Esquivel (Alonso Echanove), un losco individuo che è in affari con la mafia.
Maria scopre di aspettare un bambino da Alfredo e si confida con la sua amica Antonietta (Julieta Egurrola), direttrice della scuola dove lavora.
La giovane è preoccupata e, nonostante Alfredo le prometta di sposarla e di assumersi tutte le sue responsabilità, teme la reazione del padre che ha sempre pensato che lei fosse una ragazza giudiziosa.
Maria si fa coraggio e gli racconta tutto, ma Diego rimane profondamente deluso e ne parla con sua moglie Eva, la quale non vede l'ora di sbarazzarsi della figliastra.
Maria non è figlia naturale di Diego, ma è stata adottata dall'uomo quando ha sposato sua madre, Ester, ragazza che all'epoca era rimasta incinta anche lei fuori dal matrimonio.
Diego vorrebbe far sposare sua figlia con Enrico de Marchi (Enrique Lizalde), un uomo di origini italiane, il quale prova un forte sentimento verso Maria che lo spinge a proteggerla e ad aiutarla in ogni occasione.
L'uomo gestisce un ristorante di lusso ed è grande amico di Diego che ha sempre sostenuto in tutti i momenti difficili da quando ha perso gran parte del suo patrimonio ed è finito su una sedia a rotelle a causa di una trombosi.
Intanto da Cuba arriva Antonio Foscari (Cesar Evora), un ragazzo originario di Salerno che cerca lavoro al ristorante di Enrico, il quale lo prende in simpatia e decide di aiutarlo prendendolo a lavorare con lui per fargli ottenere il permesso di soggiorno.
Antonio in realtà è scappato dal suo paese con la madre Fedora (Adriana Roel) perché è stato accusato ingiustamente di omicidio, ma fa credere ad Enrico di essere fuggito da Cuba perché era contro il governo di Machado.
Intanto Maria e Alfredo decidono di sposarsi e il padre di lei, anche se a fatica, accetta la situazione a patto che il ragazzo abbandoni la sua carriera sportiva e si trovi un impiego più dignitoso e all'altezza della famiglia della sua futura sposa.
Eva è furiosa e, dopo aver saputo che Diego ha intenzione di regalare a Maria la collana della defunta Ester solo quando suo marito avrà trovato un lavoro migliore, ne approfitta per rovinare il rapporto tra padre e figlia.
La perfida donna, infatti, è un'accanita giocatrice d'azzardo e ha contratto un debito con la padrona della casa da gioco, e così ruba la collana di smeraldi dalla cassaforte e la vende.
Diego si accorge della sparizione del gioiello e crede sia stata Maria, spinta da Alfredo, che per lui è solo un arrivista.
Maria tenta di difendersi e accusa Eva, poiché è l'unica a parte lei a conoscere la combinazione della cassaforte, ma l'uomo si sente male e rischia un infarto.
Eva cerca di convincerlo a prendere posizione e a punire la figlia e si fa fare una delega per poter prelevare lei i soldi dal conto di Diego, per non permettere ad Alfredo di circuire Maria e approfittarsi del denaro della sua famiglia. Così la ragazza viene cacciata di casa e va a vivere in un modesto appartamento di proprietà di una vecchia amica della madre, Gilda.
Lì conosce Antonio, il quale abita proprio nell'appartamento accanto.
Dopo qualche giorno, però, la ragazza decide di andare a vivere da Alfredo e in poco tempo i due scelgono di sposarsi civilmente.
Maria tenta di comunicare col padre per riallacciare i rapporti ma Eva le dice che non vuole più vederla e che non la considera più sua figlia.
Intanto Enrico va a far visita a Maria e scopre che è stata accusata ingiustamente del furto della collana e si offre di aiutarla a scoprire la verità.
Grazie all'aiuto di Guglielmo, avvocato di Diego, viene a sapere che la collana è stata venduta da una donna che corrisponde proprio alla descrizione di Eva e vuole confessare tutto al suo amico.
Maria, però, teme che possa soffrire ancora di più nello scoprire che sua moglie lo inganna e gli chiede di tacere.
Alfredo, venuto a conoscenza della cosa e sempre più desideroso di appropriarsi della fortuna dei Sanchez Amaro, decide di dire lui stesso cosa ha scoperto al suocero, il quale, dopo aver parlato con Enrico, gli comunica di voler rivedere sua figlia al più presto.
Maria rimprovera Alfredo di aver parlato con suo padre contro la sua volontà e l'uomo le dice che lo ha fatto solo perché si trova in una situazione economica difficile, visto che ha dovuto lasciare il suo vecchio lavoro per volere di Diego.
La ragazza confessa all'uomo che la sua famiglia non è più ricca come un tempo, ma che ormai ha perso tutto, tranne la casa e i mobili che vi sono dentro.
Alfredo, sconvolto, reagisce male e le fa capire di essere molto più interessato ai suoi soldi che a lei.
Dopo il chiarimento della faccenda della collana, Diego e Maria si riappacificano ma Eva continua a difendersi accusando la figliastra. L'uomo, resosi conto della vera natura di sua moglie, prende una decisione e cambia il testamento a favore della figlia.
Eva fa irruzione nella sua stanza dopo che l'uomo ha ricevuto l'avvocato per cambiare le sue ultime volontà e, dopo una lite furiosa, Diego si sente male e la prega di prendergli le medicine. Eva si rifiuta e lo lascia morire, poi prende tutto quello che c'è nella cassaforte e prepara le valige per scappare via lontano.
Alfredo non sa come comportarsi riguardo alla faccenda del fallimento economico della famiglia di Maria. La sua amante, Debora (Wendy de los Cobos), nonché sua complice, cerca di convincerlo a lasciare Maria perché ormai non può più servirle a niente. L'uomo, però, non se la sente di farlo perché la donna aspetta un figlio suo e intanto continua la messa in scena facendo credere a Maria che Debora sia sua cugina.
Un giorno gli uomini di Esquivel entrano nell'appartamento di Alfredo e lo aggrediscono, poiché non ha saldato i suoi debiti. A questo punto l'uomo si vede costretto a dare spiegazioni a Maria e le dice di essere stato minacciato dal malvivente per non aver accettato di truccare le partite di pelota.
Maria cerca con ogni mezzo di aiutare Alfredo, vendendo tutti i quadri di famiglia.
 
CAPITOLO 2
Passano i mesi e Maria sta per dare alla luce suo figlio e continua a sforzarsi per aiutare suo marito lavorando nella scuola di canto, nonostante il medico le abbia consigliato di non affaticarsi.
Alfredo le fa credere che ha trovato un lavoro e ora che vende auto di lusso, ma in realtà continua a giocare a pelota e ad essere in affari con Esquivel.
Antonietta, la quale ha dato alla luce due gemelli ed è diventata vedova,  sospetta come Gilda che Alfredo stia ingannando Maria e, dopo averlo verificato, rivelano tutto alla loro amica.
Maria si presenta nell'appartamento dove un tempo viveva con lui e che credeva avesse venduto, e lo trova in compagnia di Debora. Alfredo tenta di giustificarsi ma la sua amante le confessa di non essere sua cugina e che l'uomo l'ha sposata solo per interesse.
Arriva il giorno del parto e, nonostante la felicità di essere diventata madre di una bellissima bambina, Maria è triste per come è finito il suo matrimonio e perché Alfredo, dopo essere stato denunciato per aver truccato le partite di pelota, è finito in carcere e ha rifiutato l'aiuto di Enrico, che da sempre ha disprezzato.
Maria decide di divorziare e per questo dovrà affrontare la società dell'epoca che non accettava simili decisioni da parte di una donna.
Inoltre cerca di andare avanti e mantenere sua figlia grazie alla sua bella voce cantando di sera in un locale chic per una clientela di persone raffinate ed eleganti.
Passano due anni e Alfredo esce di prigione e ricomincia a tormentarla cercando di guadagnarsi maliziosamente l'affetto di sua figlia, Ester, mettendola contro sua madre.
La bambina, infatti, si convince che sua madre sia una cattiva donna, e non riesce ad avere un buon rapporto con lei.
Un giorno Ester scappa di casa per raggiungere il padre e chiedergli di portarla con sé negli Stati Uniti.
Nel frattempo Maria, accortasi della scomparsa della figlia, corre a cercarla e viene investita da un auto. Appena si riprende rifiuta l'aiuto dei passanti e continua le ricerche ma la sua vista è annebbiata e fatica a camminare.
La donna riesce ad arrivare nell'appartamento di Alfredo e di Debora, ma nessuno le apre. Subito dopo Maria  vede un uomo allontanarsi dall'abitazione e decide di entrare dal retro.
Con grande spavento Maria trova il cadavere di Debora steso sul pavimento e chiama immediatamente Enrico.
La donna torna a casa e l'uomo la convince a non dichiarare alla polizia di trovarsi sul luogo del delitto e Maria accetta anche se non convinta del tutto.
Intanto Alfredo riporta Ester a casa, la quale è sempre più capricciosa, e chiede alla madre di essere mandata in un prestigioso collegio negli Stati Uniti.
Con il cuore distrutto e stanca della situazione, Maria è costretta ad accettare perché capisce che il rapporto con la figlia è ormai irrecuperabile.
In quel momento Alfredo viene arrestato, accusato di contrabbando di alcolici. Inoltre anche Francesco, figlio di Enrico, è entrato nel giro ed è in pericolo.
Antonio, che da sempre è stato accanto al ragazzo, visto che ha lavorato per suo padre, scopre che nella cantina del ristorante che Enrico aveva dato in gestione a lui, sono stati nascosti vari alcolici di contrabbando e della droga.
Disperato e in preda al panico, Antonio getta la droga nel lavandino e affronta Esquivel minacciandolo di denunciarlo alla polizia.
Francesco si accorge della sparizione della droga e accusa Antonio di voler a tutti i costi guadagnarsi la stima e l'amore di suo padre.
Inoltre Maria ed Enrico iniziano a credere che l'uomo possa essere l'assassino di Debora, dato che poco prima del ritrovamento del cadavere, si trovava sul luogo del delitto.
In realtà l'uomo voleva parlare con Alfredo per obbligarlo a lasciar perdere Francesco e a non coinvolgerlo nei suoi traffici illeciti, e ,quando aveva lasciato la casa, Debora era ancora viva.
Deluso dalle accuse, Antonio decide di lasciare il paese e andare negli Stati Uniti insieme alla madre e di sparire non lasciando tracce, in modo da permettere a Francesco di recuperare serenamente il rapporto col padre, che ha sempre stimato e rispettato.
Intanto Maria, sempre più bisognosa di affetto e comprensione e con la sua unica figlia lontana, cade nelle braccia di Enrico, il quale la ama ancora profondamente.
I due decidono di sposarsi nonostante la differenza di età e nel frattempo Ester comunica per corrispondenza con il padre che si trova su un'isola a scontare la sua pena.
L'uomo continua a parlare male di Maria e a farle credere di essere vittima della donna, descrivendola come una poco di buono che ama esibire il suo corpo nei locali notturni e che lo ha abbandonato per correre dietro al suo padrino, Enrico.
Intanto arriva la notizia della morte in guerra di Francesco, il quale dopo una lite col padre era scappato di casa e si era arruolato come volontario. Rosanna, moglie del ragazzo e incinta di lui, non resiste allo shock e muore.
 
CAPITOLO 3
Passano gli anni e arriva il giorno del sedicesimo compleanno di Ester e in questa occasione la ragazza torna in Messico dalla madre.
Maria è ansiosa di vederla ma la ragazza ha accettato di tornare a casa solo perché Alfredo le ha detto che sarebbe uscito di prigione per festeggiare il compleanno con lei.
Maria organizza una festa in casa poiché, in seguito al fallimento delle attività di Enrico, finito in bancarotta e malato di cuore, non può più permettersi di organizzare qualcosa di meglio.
Il giorno della festa si presenta a casa De Marchi, Alfredo, ormai uomo libero, il quale chiede a Maria di permettergli di vedere Ester dicendole di essere cambiato grazie al carcere.
Maria non può far altro che accettare per non inimicarsi ulteriormente la figlia.
Intanto la donna si dedica alla direzione di un cabaret di sua proprietà, il "Diamante", per aiutare Enrico, il quale sta tentando, invece, di risollevare la situazione del suo ristorante, il "Ca' D'oro".
E' in questo momento che ritorna dagli Stati Uniti Antonio Foscari, diventato un uomo molto ricco e stimato.
Antonio ha comprato un locale di proprietà del defunto Guzman, che poi è passato nelle mani del figlio di questi, e viene a sapere che in realtà lì vi si trova già un cabaret, gestito da altre persone.
Antonio si reca sul posto e scopre che Maria è la proprietaria del locale e che è stata truffata dal fratello di Guzman, che le ha venduto la proprietà senza averne i diritti.
Antonio va a far visita ad Enrico e, dopo una chiacchierata, i due si chiariscono sulla faccenda dell'omicidio di Debora e capiscono che né lui né Maria sono responsabili dell'accaduto e si liberano delle minacce di Gregorio "Goyo" Jimenez, uomo rozzo e parassita che Alfredo ha conosciuto in carcere sulle Isole Marie, e che ora si è alleato con lui; Goyo, infatti, ricattava Maria affermando di averla vista uccidere Debora, approfittando dello stato confusionale della donna, ancora scioccata dalla vista del cadavere. In realtà è lui il vero assassino della giovane.
Antonio viene a conoscenza della salute precaria di Enrico e delle sue difficoltà economiche e così, senza farglielo sapere, lo aiuta diventando socio di Maria, ricambiando così tutto ciò che in passato aveva fatto per lui quando era scappato da Cuba.
Antonio inizia a frequentare sempre più spesso Maria e finisce per innamorarsi della sposa dell'uomo che l'ha cresciuto e che ama e rispetta.
Maria lo corrisponde, anche se entrambi cercano di resistere a questo amore tormentato e impossibile.
Enrico si rende conto che tra Antonio e sua moglie c'è una complicità e un legame molto forte e inizia ad ingelosirsi.
Intanto ritorna da Cuba anche Eva, la matrigna di Maria, ora sposa di Santiago (Fernando Balzaretti), uomo molto ricco e fratello di Virginia (Blanca Guerra), ex fidanzata di Antonio Foscari.
La ragazza non ha mai smesso di amare l'uomo e si sente in colpa per non aver dichiarato alla polizia che quando il suo socio, Michele, fu ucciso, lei si trovava con lui e che quindi non poteva essere Antonio l'assassino.
Una sera Eva, Santiago e Virginia si recano al "Diamante" e lì la ragazza ritrova Antonio, il quale successivamente la perdona per non averlo aiutato, poiché ha capito che ha  taciuto per paura di rovinare la sua reputazione di brava ragazza.
Intanto Antonio scopre che Santiago è il capo di un'organizzazione mafiosa e che Esquivel è il suo scagnozzo.
Maria si riavvicina poco a poco a sua figlia e decide di rivelarle tutta la verità, stanca di essere continuamente aggredita da Ester. La giovane rimane sconvolta dalle rivelazioni su Alfredo e non sa se crederle o meno, poiché ama profondamente suo padre.
Fedora, dopo aver rivisto Virginia, vorrebbe che suo figlio sposasse la ragazza ma Antonio ama Maria, la quale lo ricambia, anche se tenta di allontanarlo perché non vuole far soffrire suo marito.
Enrico, però, decide di restituirle la sua libertà e si fa da parte perché capisce che Maria non lo ama e non vuole costringerla a stare con lui, iniziando le pratiche per il suo secondo divorzio.
I due si separano e ciò causa l'ennesimo allontanamento di Ester e di conseguenza un suo riavvicinamento al padre.
Intanto Enrico riceve una sorpresa: suo figlio Francesco in realtà non è morto ma, dopo essere stato fatto prigioniero dai Giapponesi in un campo di concentramento, è riuscito a scappare e sta per tornare a casa.
Il giovane, ferito in battaglia da una granata, ha perso l'uso di una gamba.
Alfredo, ormai in combutta con Santiago, viene a sapere dell'arrivo del giovane e si allea nuovamente con lui per distruggere Maria e Antonio.
Francesco inizia a ricattare la matrigna con la storia dell'omicidio di Debora, e Maria tenta di nasconderlo ad Enrico per non farlo soffrire ulteriormente.
Maria lascia la casa del marito per andare a vivere da sola ed Ester decide di rimanere a vivere a casa del patrigno, visto che le viene vietato di andare ad abitare con il padre.
Intanto Francesco si avvicina ad Ester per plagiarla e continuare il piano di Alfredo; la giovane finisce per innamorarsi di lui.
Nonostante l'abbandono, Enrico continua ad aiutare Maria sia economicamente che con il suo sostegno morale, ignaro dei ricatti e delle cattiverie di Francesco.
Alfredo continua a minacciare Maria, e Antonio decide di chiederla in sposa, in modo da poterla proteggere di più.
A questo punto della storia interviene Virginia, la quale, delusa dal rifiuto di Antonio, va a fare visita a Maria facendole credere di essere stata disonorata e poi abbandonata da lui e di aver scoperto che è un assassino.
Maria ha molti dubbi ma il suo cuore crede ad Antonio, il quale si mostra sempre più innamorato di lei e disponibile ad aiutarla a riavvicinarla a sua figlia, che ormai ha perso la testa per Francesco e continua ad odiare sua madre, pur conoscendo la verità sul padre.
Virginia, disperata per non aver raggiunto il suo obiettivo, si lascia andare con Francesco, che diventa il suo amante.
Intanto Alfredo viene minacciato dal suo ex complice Gregorio di dire tutta la verità sull'omicidio di Debora e sulle sue vere intenzioni con Maria, e decide di liberarsi di lui, uccidendolo nella sua camera d'albergo.
Nel frattempo Enrico, dopo aver visto che Antonio non è riuscito ad aiutare Maria, pensa di sposare per la seconda volta la donna.


CAPITOLO 4
Maria viene a sapere che Ester si è innamorata di Francesco e chiede a Enrico di aiutarla a riavvicinare la figlia a lei, in modo che possa andare a vivere in casa sua e lasciare quella del patrigno.
Ester, come sempre, crede che sua madre voglia rovinarle la vita e che, oltre a parlare male di suo padre, parli male anche del suo ragazzo per impedirle di essere felice.
Maria non si lascia intimorire e obbliga Ester a vivere sotto il suo stesso tetto; la ragazza è costretta a trasferirsi ma preferisce dormire in camera con Gilda piuttosto che con la madre.
Intanto gli uomini di Santiago si preparano per far fuori Antonio, uomo diventato troppo pericoloso perché sta indagando sulla morte di Gregorio Jimenez e sugli affari illeciti del boss.
Enrico si accorge che Francesco non è mai stato zoppo e che sta ingannando la giovane Ester. I due si affrontano tentando di porre fine ad anni di liti e incomprensioni.
Francesco confessa al padre di essere scappato durante la guerra e di essersi nascosto con alcuni disertori come lui, e quindi di non essere mai stato in un campo di concentramento.
Il giovane ha inventato la storia del lager e quella di aver perso l'uso di una gamba perché convinto che il padre lo avrebbe trattato con maggiore affetto e attenzione.
Maria si confida con Gilda e le dice di essere stata a letto con Antonio e di essere molto felice, nonostante i capricci di Ester.
Ma la felicità dura poco perché una sera, al Diamante, Maria viene insultata da alcuni clienti che iniziano a lanciarle di tutto e a prenderla in giro durante una sua esibizione canora.
Gli uomini sono stati pagati da Eva, la quale si è alleata con Alfredo per distruggere la vita di Maria.
Santiago, venuto a sapere del piano di Eva, la caccia di casa rimproverandola di aver rovinato tutto, poiché anche se Maria non canterà più al locale, Antonio è ancora più deciso a non venderlo a lui, ritenendolo responsabile dell'accaduto.
Enrico scopre che Francesco gli ha mentito ancora una volta e che di nascosto si vede con Santiago, il quale ricicla denaro sporco al Diamante tramite Yolanda, la sua segretaria.
L'uomo si reca dal boss e lo sorprende in compagnia del figlio. Fuori di sé, inizia ad urlare e viene colpito da un infarto.
Enrico viene portato subito in ospedale e Francesco si sente colpevole per quanto è accaduto a suo padre perché non è stato capace di essere il figlio che lui meritava di avere.
Santiago ordina a Esquivel di far fuori Yolanda perché sa troppe cose sull'organizzazione, e quindi l'attentato nei confronti di Antonio viene posticipato per dare precedenza al caso sul riciclaggio di denaro.
Sofia, zia di Yolanda, conoscendo bene Santiago, consiglia alla ragazza di fuggire e nascondersi perché teme che l'uomo possa ucciderla.
Enrico, ancora molto debole, chiede ad Antonietta di denunciare al suo posto Santiago perché teme di non uscire vivo dall'ospedale.
Poi chiede alla donna di scrivere una lettera a Maria:

"Carissima Maria,
sento che purtroppo è arrivata la mia ora e non voglio rischiare di andarmene senza prima ringraziarti. Mi hai reso felice ed è un miracolo. So che dei due sono stato più felice io. Accettando la mia proposta di matrimonio mi facesti un grande regalo ed è giunta l'ora che tu venga ricompensata. Non mi pento di certo di questi anni passati insieme a te, ma a posteriori penso che non avrei mai dovuto proporti matrimonio. E' stato egoista da parte mia, lo riconosco, perché in una certa maniera ho approfittato dell'affetto che hai nutrito verso di me ed era quello che ti rendeva vulnerabile. Tu mi dicesti che non eri sicura di ricambiare il mio amore, ma io non ascoltai con attenzione le tue parole. Pensai solo alla felicità di averti accanto a me ed è stato così, Maria. Capisco che tu non hai saputo resister al sentimento che stava nascendo dentro di te. Io non ho saputo controllare il mio cuore, come tu non hai saputo fare quando hai conosciuto un uomo  così bello e giovane come Antonio.
Maria, non voglio che tu ti senta in colpa. Un grande affetto ci ha legati durante questi anni, un affetto sincero e profondo ma tu hai diritto di vivere un amore vero. Per quanto riguarda il tuo desiderio di continuare a cantare, coltivalo, ti prego. Non devi badare a quegli stupidi pregiudizi che ci limitano e ci riempiono di frustrazioni. Passiamo la vita condizionati da quello che pensano gli altri, costretti a rinunciare a moltissime cose. Ma col passare degli anni arrivano per noi il rimpianto e l'amarezza. E quando ci rendiamo conto del tempo che abbiamo sprecato, ormai non c'è più modo di tornare indietro. Io desidero che tu e Antonio vi sposiate, senza provare alcun rimorso e senso di colpa, sentimenti che non hanno ragione di essere. Io stimo Antonio, è un uomo nobile e lo ritengo degno del tuo amore.
Voglio che tu viva come meriti, con pienezza e felicità.

Enrico"
 
Elsa, un'infermiera, avvisa Esquivel di ogni visita che riceve Enrico in ospedale, mentre Francesco passa tutte le giornate accanto al padre sperando che si riprenda presto.
Una mattina, però, approfittando che Francesco dorme e che le infermiere di turno sono già passate, Enrico si veste ed esce dall'ospedale per recarsi al commissariato e denunciare Esquivel e Santiago.
Dopo la deposizione, gli uomini del boss seguono Enrico, il quale a fatica riesce a camminare per strada e gli sparano senza pietà su ordine di Santiago, proprio sull'uscio della porta di casa sua.
Maria, poco lontana da lì, corre disperata e abbraccia l'ex marito, ormai privo di forze e vicino alla morte.
Enrico le dice che voleva vederla per l'ultima volta e che le ha scritto una lettera. Dopo queste ultime parole, Enrico muore.
Alla veglia funebre Francesco piange disperato, rendendosi conto di aver provocato, anche se involontariamente, la morte di suo padre, poiché era coinvolto negli affari del losco e perverso Santiago.
Qualche tempo dopo Eva si reca da Antonio confessandogli che è a conoscenza del mandante dell'attentato ad Enrico, ossia suo marito, ma si rifiuta di testimoniare contro di lui. Ciò rende la sua dichiarazione inutile ed Antonio la prega di allontanarsi.
Intanto Ester decide di chiarirsi con Francesco, dopo aver scoperto tutta la verità sul suo passato. Il giovane la allontana dicendo che tra di loro c'è troppa differenza di età e le dice di aver commesso troppi errori e di non meritarla.
Ester gli dice che in fondo lui ha un animo buono e non accetta di essere lasciata proprio quando si trova in uno stato di profonda confusione a causa di suo padre. Infatti, la ragazza ha scoperto altre menzogne di Alfredo e ora non riesce più a credergli ciecamente come un tempo, soprattutto dopo aver saputo che ha minacciato Francesco di lasciare in pace sua figlia.
Antonietta è furiosa con Maria perché, a pochi giorni dalla morte di Enrico, sta già progettando il suo matrimonio con Antonio.
In realtà Maria è ancora addolorata per la morte dell'ex marito e non sa se sia il caso sposarsi come vorrebbe, anche perché non ha trovato la lettera di cui gli ha parlato Enrico in punto di morte, ed è ignara che sia proprio Antonietta a possederla e a nasconderla gelosamente.
Quest'ultima, inoltre, proibisce alla figlia di vedere Ester, ma la ragazza trova la lettera scritta da Enrico a Maria e capisce che la madre agisce per gelosia e che l'uomo voleva solo il bene della donna ed era felice anche della sua storia con Antonio.
Virginia scopre che il fratello è coinvolto in numerosi affari illeciti, grazie ad un'agenda che ha trovato nel suo studio, e crede che probabilmente è lui il mandante dell'attentato nei confronti di Enrico.
La ragazza vorrebbe denunciarlo ma è frenata da mille paure. Santiago le va a parlare per convincerla a tacere promettendole di farla sposare con Antonio, liberandolo dalle vecchie accuse riguardo al delitto di Michele a Cuba. Santiago, infatti, vuole accusare suo padre di aver ucciso l'uomo.
Gilda riesce a recuperare la lettera di Enrico, grazie alla figlia di Antonietta, preoccupata per lo stato della madre, sempre più aggressiva e piena di odio nei confronti di Maria.
Virginia va a vivere a casa di Antonio, dopo la furiosa lite con il fratello, e tenta di mettere ulteriormente in cattiva luce Maria con Ester.
Fedora, intanto, ha scoperto che Virginia nasconde l'agenda che cerca Antonio e tenta di sottrarla alla ragazza ma la prova contro Santiago sparisce magicamente nel nulla.
In realtà l'agenda è finita tra i libri che Ester ha preso in prestito dalla biblioteca di Antonio.
Maria legge commossa la lettera di Enrico che Gilda ha recuperato e la mostra ad Ester. Le due si abbracciano e la ragazza capisce di essere stata ingiusta con la madre.
Maria decide di cantare alla radio così da poter continuare con il suo sogno di incidere un disco, senza doversi per forza esibire nei locali.
Santiago, intanto, ordina ad Esquivel di uccidere Maria e far ricadere la colpa su Alfredo.
Esquivel si ribella al suo capo e gli dice di non volersi macchiare ancora le mani per lui, soprattutto quando gli omicidi che commissiona sono inutili, poiché ritiene che Maria non sia un pericolo per nessuno.
Santiago allora nomina come suo uomo di fiducia Sancho e incarica lui di eliminare la donna.
Virginia, intanto, scopre che l'agenda è nelle mani di Ester, e si reca a casa sua per chiederle di restituirgliela.
Nel frattempo Maria va a trovare Antonietta e le due si chiariscono riguardo alla storia della lettera e sulla morte di Enrico.
Arriva il giorno del debutto di Maria alla radio con la canzone "Si Dios me quita la vita" (sigla della telenovela). Tutti applaudono entusiasti e anche Ester, per la prima volta, ascolta sua madre cantare, senza criticarla e vergognarsi di lei.
 
 
CAPITOLO 5
Maria e Francesco si recano dal notaio per la lettura del testamento e scoprono che Enrico ha lasciato tutto all'ex moglie.
La donna crede che il testamento sia stato scritto prima del ritorno del giovane dalla guerra e che quindi Enrico non gli aveva lasciato nulla perché credeva che suo figlio fosse morto.
Tuttavia Maria vuole rinunciare al denaro o almeno dividerlo con Francesco, ma quest'ultimo non accetta nemmeno la casa dove ha sempre abitato.
Fedora ascolta senza volere una conversazione tra Virginia ed Eva nella quale quest'ultima le dice di aver scoperto la sua relazione con Francesco.
Virginia nega tutto ma poi è costretta ad ammettere le sue colpe e a dare alla cognata i soldi che le ha chiesto.
Fedora, allora, capisce che la ragazza è più falsa di ciò che sembra e che ha sbagliato a pensare più volte di volerla accanto a suo figlio.
Alfredo viene a sapere del presunto crimine commesso da Antonio a Cuba e cerca di ricattare Maria, minacciandola di denunciarlo alla polizia se non si decide a sposarlo e a vivere con lui e la loro figlia.
La donna è disperata perché proprio in quel periodo stava ritrovando la serenità accanto ad Antonio, al quale tra l'altro mancavano solo due anni affinché il processo per l'omicidio di Michele venisse archiviato.
Antonio decide partire per Cuba e costituirsi prima di essere denunciato da Santiago, fiducioso di poter dimostrare la propria innocenza e non essere condannato.
Virginia decide di partire insieme a lui e a Fedora, promettendogli di testimoniare a suo favore al processo, cosa che avrebbe dovuto fare molti anni prima.
Maria trova l'agenda di Santiago tra i libri della figlia e si reca da lui per ricattarlo. La donna gli chiede di testimoniare a favore di Antonio, come ha intenzione di fare sua sorella, in cambio dei documenti che lo incriminano.
Santiago accetta e nel frattempo la polizia riesce a rintracciare Yolanda, la sua segretaria, che si trova nei guai fino al collo e che dichiara che l'unico colpevole è Esquivel.
Eva, tornata insieme a Santiago, fa da tramite per lo scambio con Maria alla quale consegna la lettera in cui l'uomo dichiara che è stato suo padre ad uccidere Michele.
Maria decide di partire per Cuba e portare personalmente la prova per scagionare Antonio.
Ma Santiago la rapisce e la rinchiude in una baracca.
Esquivel, intanto, stanco della prepotenza di Santiago e di essere stato accusato di tutti i suoi sporchi affari, decide di parlare con la polizia e di fare il suo nome.
Intanto la radio annuncia che l'aereo sul quale doveva trovarsi anche Maria, è precipitato e tutti credono che la donna sia morta, compreso Antonio che viene avvisato dell'incidente dal suo avvocato.
Eva, non potendo più contare su Santiago, ormai in carcere, rivela ad Alfredo che il marito ha fatto prigioniera Maria e gli dà l'indirizzo del posto dove la tiene nascosta.
Santiago è condannato dopo le dichiarazioni di Esquivel e di altri testimoni, mentre Alfredo riesce a trovare l'ex moglie e, invece di liberarla, la imbavaglia e le urla tutto il suo disprezzo.
Maria è sotto shock ed è molto debole; Alfredo, dopo essersi impossessato della lettera di Santiago, la obbliga a stare con lui per sempre se non vuole che Antonio venga condannato.
Poi si reca a casa di Maria per minacciare la sua famiglia di rovinare la vita di Antonio e si trasferisce a casa di Enrico, per vivere nel lusso, servito da tutti.
E così Ester capisce fino in fondo quanto sia spregevole suo padre e quanto abbia sbagliato ad accusare sempre e solo sua madre per ogni cosa.
Antonio viene scarcerato dopo l'arresto di Santiago e la testimonianza di Virginia, e torna in Messico.
Gilda trova negli abiti di Alfredo, la lettera di Santiago e sospetta che l'uomo nasconda qualcosa.
Per questo lo segue e scopre il nascondiglio dove Alfredo tiene rinchiusa Maria.
Antonio entra armato con un coltello e colpisce Alfredo. Poi corre da Maria e la trova in uno stato critico, sporca e denutrita, e molto spaventata.
La polizia arriva sul posto e porta Alfredo in ospedale, mentre Maria viene portata a casa ed è accolta da tutti con grande gioia.
Eva viene accusata di tentato omicidio nei confronti di Maria, essendo stata complice di Alfredo.
Ester è felice per aver ritrovato sua madre ma è piena di sensi di colpa nei suoi confronti ed è molto delusa dal padre, ritenendolo incapace di amare.
La ragazza chiede perdono alla madre, la quale le dice di non preoccuparsi e di amarla più di se stessa.
Ester va a trovare Alfredo in ospedale; l'uomo continua a mentirle dicendole che si trovava con Maria perché era andata a liberarla.
Ester non gli crede più e lo rimprovera di aver fatto soffrire sua madre. Alfredo si difende dicendo che Maria lo ha tradito e che non è la persona buona che lei crede. Ester va via dicendogli addio per sempre, abbandonandolo al suo destino, sapendo che passerà il resto della sua vita in carcere.
Anche Fedora chiede scusa a Maria per aver ostacolato il suo amore per suo figlio e le promette di non intromettersi più, augurando alla donna ogni bene.
Superati tutti gli ostacoli, Antonio e Maria possono finalmente vivere sereni il loro amore e la felicità che è stata loro negata per molto tempo.

FINE
  
 
(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)