mercoledì 22 gennaio 2014

Trama completa: Flor do Caribe (terza parte - fine)




CAPITOLO 5
Ester e Cassiano sono finalmente insieme felici ma Alberto è sempre lì pronto a rovinare ogni cosa. L'uomo, infatti, fa credere alla bella Cristal, arrivata a Vila dos Ventos per lo show di inaugurazione del bar di Cassiano e Duque, "Flor do Caribe", che il giovane sia libero.
La ragazza, allora, gli ruba un bacio proprio davanti ad Ester, suscitando la gelosia della giovane.
Allo show è presente anche Alberto che decide di parlare in privato con Cristal e proporle di unirsi per separare Cassiano da Ester, offrendole anche un posto nella sua impresa.
Pur amando Cassiano, Cristal non accetta e si rassegna al fatto che il giovane ami un'altra donna.
Dopo lo show Cassiano consiglia a Cristal di lasciare la cittadina, anche perché ha notato che Alberto le gira intorno.
La ragazza decide di dimenticarlo e lascia Vila dos Ventos.
Alberto, sempre più folle, spia una notte d'amore tra la sua amata e Cassiano e decide di non fermarsi finché non rovinerà la vita al suo rivale.
Dopo aver distrutto il capanno dove i due innamorati si ritrovano quando vogliono stare da soli, chiede la riappropriazione della sede della ONG che aveva offerto alla moglie. Guiomar, presente al momento dell'avvertimento, promette ad Ester di aiutarla, visto che è anche lei proprietaria della sede.
Nonostante l'aiuto, Ester deve comunque abbandonare il locale e risarcire Alberto di tutte le spese sostenute. Inoltre, approfittando di alcuni episodi, in modo particolare quello in cui Ester ha dimenticato di andare a prendere la piccola Laura a scuola, fa in modo che un ufficiale di giustizia le consegni la disposizione del giudice in favore di Alberto riguardante la tutela della bambina.
Ester, per paura di perdere sua figlia, torna alla mansione Albuquerque.
Guiomar, nel frattempo, dice al figlio che lascerà la casa solo se le darà una casa dove vivere. Alberto, pur di vederla andare via, le intesta quella che era la sede della ONG.
La donna ottiene così quello che vuole e avvisa Ester che può riaprire l'associazione.
Cassiano scopre grazie a Candinho (che tra l'altro nel corso delle puntate di scopre essere figlio di Dionisio) che sotto un terreno di proprietà degli Albuquerque si nasconde una miniera di pietre preziose.
Il giovane fa in modo che Alberto venda quel terreno a Duque, suo socio. Tutto va per il meglio e Cassiano diventa proprietario della miniera insieme al suo amico.
Alberto viene a sapere la cosa e manda degli uomini a far esplodere la miniera. Cassiano finisce sotto le macerie ma viene salvato.
Ester riesce a spiegargli il perché del suo ritorno col marito e i due si riconciliano. Ma il giovane non può fare a meno di aggredire il suo rivale, il quale minaccia di denunciarlo alla polizia.
Dom Rafael, intanto, pentito di tutto il male che ha fatto, decide di allearsi con Cassiano contro Alberto.
L'uomo avverte il giovane di un carico di oggetti di contrabbando che sarà trasportato su un aereo di proprietà di Alberto. Ester, invece, denuncia l'esistenza di un bunker in casa Albuquerque.
Sfortunatamente la polizia non arriva in tempo perché Dionisio fa sparire tutto, ma almeno riesce a fermare l'aereo con il carico sospetto prima che decolli.
La polizia scopre così opere d'arte e gioielli appartenenti alle vittime dell'olocausto che Dionisio ha preso all'epoca della seconda guerra mondiale.
Alcuni di questi oggetti appartengono ai nonni paterni di Ester che hanno sofferto per le crudeltà naziste, come del resto anche l'anello che Alberto ha dato a Cassiano per chiedere ad Ester di sposarlo; quel gioiello apparteneva al signor Schnaider, papà di Samuel, che aveva dato a Dionisio, convinto che questi lo avrebbe aiutato a fuggire dall'Olanda con dei passaporti falsi.
Ed è così che si scopre che Dionisio Albuquerque in realtà si chiama Klauss Wagner, uno dei più crudeli criminali del periodo nazista, fuggito in Brasile per rifarsi una vita con una nuova identità.
Ester viene a conoscenza della cosa e farà di tutto per far finire in carcere l'uomo che ha fatto così male alla sua famiglia e ha fatto rinchiudere i suoi nonni in un campo di concentramento.
Alberto scopre le intenzioni di Ester e rinchiude la ragazza nel bunker fino a che riesce a farsi promettere da lei che non rivelerà alla polizia cosa ha scoperto su suo nonno e sui gioielli rubati. Ester è costretta a promettergli di tacere mentre Dionisio, spaventato, dice al nipote che è stato Samuel a sollevare i sospetti su di lui e che va eliminato.
Dionisio convoca Helio e gli promette il posto di vice-presidente dell'impresa in cambio del suo aiuto per liberarsi di Samuel.
Helio accetta e l'uomo viene sequestrato dai capangas di Dionisio e rinchiuso in un compatimento di una nave dopo di che fanno scoppiare un tubo dell'acqua per far annegare l'uomo.
La polizia però riesce a rintracciare il segnale del cellulare di Samuel e a liberare l'uomo evitando così la tragedia.
Dionisio, intanto, convinto che Samuel sia morto, compie con la sua promessa e nomina Helio vice-presidente dell'impresa Albuquerque.
Uno dei capangas di Dionisio, però, scopre che Samuel è ancora vivo e si traveste da medico per entrare senza destare sospetti nell'ospedale dove l'uomo è ricoverato e si sta recuperando dal trauma. Cassiano lo scopre e lo fa arrestare.
Dionisio, venuto a sapere della cosa, dà ad Helio una settimana di tempo per recuperare tutti i soldi che aveva dato ai capangas e lo dimette dall'impresa.
Il ragazzo, allora, prende i risparmi dei suoi fratelli e salda il debito con il suo ex padrone.
Juliano, un pescatore della zona e amico di famiglia di Samuel, scopre che Helio ha contribuito all'attentato al padre di Ester e lo denuncia.
Helio confessa di aver mandato gli uomini ad uccidere Samuel ma aggiunge che è stato Dionisio a chiederglielo.
Quest'ultimo viene messo agli arresti domiciliari per la sua condizione fisica, essendo costretto su una sedia a rotelle.
Risolta la questione riguardante Dionisio, Ester deve però lottare ancora contro il suo ex marito, poiché inizia il processo per la custodia del piccolo Samuca.
Alberto non vuole essere sconfitto anche su questo fronte e perciò architetta un piano per vincere il primo appello: mette del sonnifero nella bevanda della giovane, così che non possa presentarsi all'udienza.
Poi cerca di comprare Yvete, sua segretaria personale, e Katia, l'addetta alla reception del Gruppo Albuquerque, donando loro dei gioielli con diamanti, affinché testimonino davanti al giudice che lui è stato sempre un ottimo papà e un marito ideale. Nonostante tutti questi tranelli, Alberto non riesce comunque ad ottenere la custodia della figlia, che rimane con la mamma.
Contemporaneamente al caso dell'affidamento della bambina, continua l'indagine su Dionìsio. L'avvocato Aurora, che lavora per un'associazione che si dedica a punire crimini di guerra, decide di occuparsi del caso. La donna, però, non lo fa solo per compiere i suoi doveri ma anche perché suo nonno, Manolo,  è stato una delle vittime delle atrocità commesse da Dionisio.
Poco a poco l'immagine intoccabile dell'uomo cade e Alberto scopre che sua madre non è così cattiva come ha sempre creduto e che è stato suo nonno a far sì che la odiasse.
Alberto, infatti, ha sempre creduto che fosse stata Guiomar, sua madre, a spingere suo padre a suicidarsi, e invece è stato proprio Dionìsio a condurlo alla pazzia. La donna aveva abbandonato suo figlio proprio per dedicarsi al marito e aiutarlo a guarire, ma era troppo tardi e l'uomo ha deciso di togliersi la vita.
Dopo la morte dell'uomo, Guiomar aveva tentato più volte di riavvicinarsi al figlio, ma Dionìsio glielo aveva sempre impedito perché voleva manipolare il nipote e farlo diventare come lui, cosa che non gli era stata possibile con suo figlio.
Grazie all'areonautica e ai tenenti Cassiano, Amadeu e Isabel, Dionìsio viene catturato prima di fuggire dal paese. Il gruppo Albuquerque entra in fallimento dopo la cattura del padrone e tutti vengono a sapere che si chiama Klaus Wagner e che è stato uno dei più spietati nazisti del Terzo Reich.
Alberto viene rinchiuso in una clinica psichiatrica dopo aver saputo che Ester è incinta nuovamente di Cassiano.
Dopo l'esplosione della miniera di Paraìba, Cassiano e Duque diventano ricchissimi e, con l'aiuto di Dom Rafael, iniziano ad occuparsi dell'esportazione di pietre preziose in Europa e in Oriente. I due decidono di destinare una parte dei guadagni a Candiho e la sua capra Ariana, visto che è stato il giovane a scoprire la miniera. E finanziano anche Ester che apre un'azienda che produce dune baggy.
Helio è in attesa del processo e decide di tornare a casa, aiutando il padre lavorando come pescatore, lavoro che aveva sempre disprezzato, e si innamora di Zuleika con la quale vive un grande amore. La sentenza del giudice, però, lo condanna a sei anni di prigione.
Alberto viene a sapere che Ester e Cassiano hanno deciso di sposarsi e fugge dall'ospedale psichiatrico ma non per impedire le nozze. L'uomo osserva da lontano la felicità di coloro che un tempo erano stati i suoi più grandi amici e poi lascia un messaggio agli sposi:
"Auguri per la tua ultima vittoria!"
Dalla barca, Ester e Cassiano, vedono Alberto che tenta di togliersi la vita gettandosi in mare, ma riescono ad impedirgli di compiere il gesto. Alberto li ringrazia sinceramente e ciò fa capire ai due che è sinceramente pentito.



FINE

Nessun commento:

Posta un commento