venerdì 7 febbraio 2014

Eredità d'amore: Paola e la violenza sulle donne

I maltrattamenti e la violenza sulle le donne sono forse uno dei temi più ricorrenti nella cronaca.
In "Eredità d'amore"/"Innamorata", l'interesse per questa problematica è affrontato attraverso il personaggio di Paola, interpretato dall'attrice Kathia Condos.
La Condos ha dichiarato che è stata fin da subito felice di interpretare questo personaggio, poiché in esso molte donne si possono identificare e possono trovare forza osservando quello che accade a Paola per capire dove può arrivare una donna che non si prende cura prima di se stessa e poi degli altri, 
che ha una bassa autostima e vive sotto l'ombra della madre.
Senza dubbio Paola è una persona fragile e insicura che si è avvicinata a Tino perché non ha mai avuto un ragazzo. Lui è stato il primo uomo con il quale ha avuto un rapporto sessuale, il primo a farla sentire desiderata.
In lui vede la possibilità di cambiare, di sentirsi donna, indipendente e perché no, anche più bella. Nella prima parte della novela Paola è stata considerata un po' un brutto anatroccolo. Dopo l'arrivo di Tino e il suo innamoramento, la donna sperimenta un'autentica trasformazione della sua immagine che l'aiuterà anche ad affrontare sua madre, Roberta. Infatti, quando va via di casa insieme a Tino, ha conquistato maggiore sicurezza e riesce finalmente a ribellarsi a sua madre e agli anni di "clausura" che le ha imposto.
Ma a causa di questi anni di insicurezze e poca autostima, Paola arriva a farsi maltrattare anche da Tino, non volendo ammettere a se stessa di aver nuovamente fallito, diventando completamente dipendente dall'uomo e incapace di ribellarsi alle sue violenze.
Tino si rivela davvero una canaglia e arriva addirittura a picchiarla fino a farle perdere il bambino che aspettava da lui. Insomma Tino non è degno nemmeno di essere chiamato uomo e che, invece di regalarle una nuova vita piena d'amore, la fa entrare in un altro tunnel, in un clima di paura e di angoscia.
Inoltre Paola ha rifiutato la corte di Mario, uomo buono e onesto e sinceramente innamorato di lei, ma che sente di non meritare.
L'attrice, in un'intervista, ha dichiarato che se si fosse trovata al posto di Paola, avrebbe fatto il possibile per perdonare Tino, ma non sarebbe mai tornata con lui.
La Condos consiglia a tutte le donne vittime di violenza di rivolgersi immediatamente ad un centro di accoglienza per donne maltrattate dove sicuramente potranno trovare l'appoggio che cercano per uscire dal tunnel.





In presenza di altre persone, Tino si dimostra affettuoso con Paola.


Ma appena vanno via, inizia la violenza fisica...


... e psicologica.


E ovviamente anche il tradimento, visto che Tino 
non ama Paola e la considera poco più che un oggetto.


E tu cosa pensi di questo personaggio? Cosa avresti fatto al suo posto? 




Nessun commento:

Posta un commento