lunedì 19 giugno 2017

Le trame del 2016: Eva, la trailera (USA) - TERZA PARTE



"Eva la Trailera" è una telenovela prodotta dalla catena statunitense Telemundo e scritta da Valentina Párraga con Edith González e Arap Bethke, nel ruolo dei protagonisti, e Jorge Luis Pila e Erika de la Rosa (Pasion Morena) come villani della storia.


LA TRAMA COMPLETA
CAPITOLO 3

SE NON HAI LETTO LA SECONDA PARTE CLICCA QUI 


Adriana non fa altro che pensare al fatto di aver visto il fratello di Marlene in ospedale quando sua madre è deceduta e sospetta che sia stata assassinata.

Marlene, intanto, ha scoperto la vera identità di Pablo e sa che è un poliziotto che si è infiltrato nell'impresa Mon-Sol per indagare su una frode.
La notizia le è arrivata grazie a suo fratello perché Chivo ha riconosciuto Pablo perché fu proprio lui a farlo arrestare anni prima. La donna non può lasciarsi scappare l'occasione di distruggere la love story di Eva e Pablo, che tra l'altro sta andando a gonfie vele.
Per prima cosa si rivolge ad un detective per indagare sul suo conto e scopre che Pablo ha lasciato la polizia per diventare detective privato.



Sofia crede che dietro la morte di sua madre ci sia lo zampino di Armando e va da lui per parlargliene e cercare di farlo confessare. Armando però non sa nulla e si meraviglia quando la ragazza gli dice che è sicura che Carmen sia stata assassinata perché prima è stata investita e poi da un momento all'altro, proprio dopo essersi risvegliata dal coma, è morta per un infarto.
Marlene, intanto, va alla villa di Eva e le racconta tutta la verità su Pablo: è un detective privato che lavora insieme a suo padre in un ufficio.
Eva è sconvolta e non sa se credere alle parole di Marlene, poi però anche il piccolo Diego le conferma che il padre lavora in un ufficio e si reca sul posto per verificare con i propri occhi. Lì trova il padre di Pablo e subito dopo ha un confronto con l'uomo che le ha mentito e lo schiaffeggia.


Sofia sorprende Armando in compagnia di Marlene e capisce che è lei la nuova amante dell'uomo perché il suo obiettivo è sempre stato quello di separarla da lui.
La ragazza accusa Marlene di aver architettato, con la complicità di Armando e di suo fratello Andy, il piano per eliminare sua madre e minaccia di chiedere un'autopsia al cadavere della povera Carmen per dimostrare che non è morta per un infarto ma è stata uccisa.
Marlene non può permetterle di rovinare i suoi piani e ordina ad Andy e Chivo di eliminarla.


Betty contatta Marlene perché vuole sapere più informazioni possibili su Eva per separarla da Pablo, approfittando di alcune indagini fatte sul suo conto. Marlene la sorprende rivelandole che Eva e Pablo si sono lasciati. La donna, però, non è soddisfatta della notizia e teme che i due possano tornare insieme e chiede a Marlene di diventare sua alleata per separarli qualora ce ne fosse bisogno. Marlene accetta il patto.
Sofia, intanto, viene contattata da Armando che le chiede di vedersi di nascosto all'impresa Mon-Sol perché pentito di averla lasciata. La ragazza non sa che, dopo l'ennesimo rifiuto di Eva di riconciliarsi con lui, l'uomo è pieno di odio nei suoi confronti e ha accettato di partecipare al piano di Marlene di eliminarla.


Sofia si reca all'impresa Mon-Sol ma viene aggredita e accoltellata dal killer ingaggiato da Marlene. Eva, che si trovava lì, corre sul luogo del delitto e trova sua nipote agonizzante.
La security interviene ed Evencio, il guardiano, la sorprende vicino al corpo ormai senza vita di Sofia. Nell'edificio non ci sono altre persone ed Eva è quindi la sospettata numero uno.





La polizia indaga sull'omicidio e Evencio, l'addetto alla security al momento dell'omicidio e patrigno di Sofia, riferisce che Eva aveva dei motivi per volere morta sua nipote poiché la ragazza era l'amante del marito.
Eva viene interrogata e la polizia le chiede come mai si trovasse lì a quell'ora. La donna riferisce di essere stata chiamata dal contabile che aveva licenziato e che aveva bisogno di parlarle. Javier, però, nega tutto ed Eva viene messa in carcere per omicidio.
Pablo, intanto, ha dei sospetti su Marlene e indaga sul suo passato, recandosi nel carcere dove è detenuto l'ex marito della donna che la descrive come l'essere più malvagio al mondo.





Marlene e Andy vengono a sapere che Pablo sta facendo delle indagini su di loro e avvisano il Chivo perché dovrà intervenire al più presto per eliminarlo.
L'uomo si prepara ad uccidere Pablo ma, durante la sparatoria, è lui ad essere eliminato.


Eva riceve la visita dell'avvocatessa Elizabeth Cardenas, ovvero Betty, l'ex di Pablo, che vuole assicurarsi che rimanga in carcere per almeno trent'anni.
Pablo viene arrestato ma riesce a scappare e, dopo aver fatto a botte con tutte le guardie (un po' irreale come scena), vestito da poliziotto, si prepara a raggiungere Eva.


Pablo riesce a vedere Eva. I due si baciano ed Eva si scusa per essersi allontanata, meravigliandosi del suo amore e della sua fiducia. Lei, infatti, non è stata capace da subito di capire i motivi che lo hanno spinto a nascondere la sua vera identità.
Pablo crede ciecamente alla sua innocenza ed è disposto a tutto pur si farla uscire di prigione.
Il commissario però rovina il momento tra i due e lo fa allontanare.


Dopo aver promesso ad Eva di farla uscire di prigione, Pablo cerca di difendersi dall'accusa di aver ucciso El Chivo perché è stata legittima difesa ma non fa altro che pensare alla donna che ama e a come fare per dimostrare la sua innocenza.
Purtroppo la cosa si rivela più difficile de previsto perché Marlene nel frattempo fa in modo che venga ritrovata un'arma del delitto. Si tratta di un coltello di proprietà di Eva che ovviamente non è stato utilizzato per l'omicidio ma che potrebbe complicare molto la sua situazione, già delicata.
I risultati del DNA, infatti, dimostrano che sul coltello ci sono le impronte di Eva e il sangue di Sofia per cui Betty fa in modo che l'arma sia identificata come quella usata per uccidere la povera ragazza.


Dopo varie notti passate in cella e con una detenuta che non le ha di certo facilitato la convivenza, Eva viene trasferita in un carcere insieme ad altre donne: Camila, Virginia e Federica.
Quest'ultima conosce bene Marlene Palacios perché ha fatto finire in carcere suo nipote Reynaldo e dice ad Eva di stare molto attenta perché è una persona pericolosa che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole.
Federica è sicura che dietro l'omicidio di Sofia ci sia proprio Marlene e che sia anche l'amante di Armando, suo marito.




Marlene, felice dei risultati ottenuti, festeggia la sua prima vittoria perché si è liberata della sua rivale e anche di sua figlia Adriana che Andy ha convinto a lasciare la città.
Come se non bastasse fa in modo che Javier venga riassunto all'impresa Mon-Sol.
Fabiola sente molto la mancanza della mamma e può contare solo sull'appoggio della governante Berta, che per fortuna Armando non fa allontanare dalla villa, così come vorrebbe Marlene.
Fabiola, inoltre, sorprende suo padre con Marlene e ha una crisi molto forte durante la quale aggredisce la giovane Palacios.



Arriva il giorno del giudizio e Betty chiama Marlene a deporre. La donna dichiara che, pur essendo molto amica dell'imputata, non può nascondere che, dopo la scoperta del tradimento, la sua amica aveva giurato di uccidere Sofia.
Eva, sconvolta, si alza e corre verso di lei per aggredirla, peggiorando così la sua situazione.
Marlene ottiene ciò che vuole e lancia uno sguardo complice ad Armando, anche lui presente in aula.



Anche Armando è chiamato a dichiarare e mente facendo credere di essere stato lui a volere il divorzio perchè voleva sposare la vittima, Sofia Soler. Eva non può accettare una simile menzogna e grida al giudice che è stata lei a chiedere la separazione dopo aver scoperto il tradimento.
L'avvocato consiglia ad Eva di calmarsi perché potrebbe peggiorare ancora di più la sua situazione.




Eva rifiuta di rinunciare alla patria potestà delle figlie, nonostante l'avvocato di Armando le abbia detto che Fabiola rischia di finire in istituto. La donna è sicura che riuscirà a dimostrare la sua innocenza e non vuole perdere la custodia della figlia, che tanto bisogno ha dell'amore della madre.
Marlene crede di essere diventata la nuova padrona della villa e ordina alle cameriere di disfarsi di tutte le fotografie dove è ritratta la "vecchia" padrona.
Armando, però, non sembra molto d'accordo e vuole che resti tutto com'è, mostrando un minimo di buon senso e di affetto nei confronti di Fabiola, la persona che più sta soffrendo per la carcerazione di Eva. 
Armando le dice chiaramente che se non accetterà le sue condizioni, la donna dovrà lasciare la villa perchè è lui il padrone di tutto, essendo il marito della proprietaria, Eva Soler.



CONTINUA...

Nessun commento:

Posta un commento